LecaPiù di Laterlite garantisce leggerezza e resistenza ad un nuovo parcheggio in Valle d'Aosta

Un parcheggio sotterraneo, il cui piano strada ospita la locale stazione degli autobus: le caratteristiche tecniche dell’argilla espansa LecaPiù hanno consentito di realizzare una partizione orizzontale leggera, nonostante gli spessori elevati di riempimento, e allo stesso tempo in grado di resistere a importanti carichi superficiali.


LecaPiù il materiale ideale per completare la 'sfida' del massetto

Nel cuore del paese di Verrès (AO) è stato da poco terminato un importante progetto di riqualificazione urbana e riordino della viabilità: è stato riqualificato il parcheggio interrato situato davanti alla piscina comunale, nonché il piazzale che lo sovrasta, su cui è situata la stazione degli autobus, uno snodo importante con pensilina.

L’area interessata alla riqualificazione ha una superficie di circa 1.600 m2. La realizzazione della partizione orizzontale che divide il parcheggio sotterraneo dal piano strada è stata eseguita con un solaio in lastre alveolari con travi in calcestruzzo. Per gestire le pendenze, è stato necessario realizzare un massetto dallo spessore in alcuni punti importante, e questo ha posto delle sfide tecniche particolari” spiega l’Ing. Riccardo Perret, che ha seguito in prima persona i lavori.

La scelta del materiale con cui realizzare il massetto è stata determinante, poiché sussistevano necessità progettuali che non potevano essere ignorate: “Avevamo la necessità di gestire spessori elevati di riempimento, utilizzando un materiale leggero che evitasse di gravare sulla struttura, ma che avesse allo stesso tempo caratteristiche di elevata resistenza alla compressione e ai carichi superficiali, poiché il piazzale sovrastante era destinato a essere area di stazionamento e di passaggio degli autobus. Dovevamo contenere i carichi grazie a un materiale leggero, e allo stesso tempo capace di supportare il transito di mezzi pesanti e sostenere carichi di esercizio significativi”.

 

Leca 2-3 di Laterlite garantisce leggerezza e resistenza ad un nuovo parcheggio in Valle d'Aosta

 

La soluzione tecnica è stata individuata nell’argilla espansa LecaPiù 2-3 cementata, aggregato leggero che, grazie alla sua struttura celulare racchiusa in una scorza clinkerizzata, ottimizza il rapporto tra peso e resistenza.

Il personale tecnico del Gruppo Laterlite ha suggerito la soluzione ottimale, sufficientemente leggera ma con caratteristiche coerenti con il carico e con le normative tecniche: l’argilla espansa LecaPiù 2-3 cementata” spiega l’Ing. Perret.

 

Le caratteristiche principali di LecaPiù: è incombustibile e ha un'ottima durabilità

LecaPiù, inoltre, è adatta alla realizzazione di massetti e pavimentazioni sensibili all’umidità e si indirizza in particolare alla realizzazione di isolamenti termici. Non trattiene umidità, non contiene materiali organici né loro derivati, non marcisce, non si degrada nel tempo, resiste bene ad acidi, basi e solventi conservando inalterate le sue caratteristiche ed è incombustibile (Euroclasse A1). Sottoposta al gelo, LecaPiù non si rompe né si imbibisce, garantendo quindi un’eccezionale durabilità nel tempo, caratteristica importante in una località montana come Verrès.

 

Laterlite Leca Più 2-3

 

LecaPiù 2-3 si è rivelato un materiale particolarmente vantaggioso anche per quanto riguarda la posa in opera: è stato pompato direttamente in cantiere dall’autocisterna. Questo ha consentito di ottimizzare i tempi e i costi dell’intervento, che è stato portato a termine velocemente.

 


SCOPRI LE CARATTERISTICHE DELL'ARGILLA ESPANSA LECAPIU' 2-3


 

Sull’argilla espansa LecaPiù 2-3 cementata è stato poi posato uno strato di 10 cm di asfalto, rendendo la pavimentazione carrabile e concludendo così l’opera. “Dalla teoria alla pratica, la soluzione individuata dai professionisti di Laterlite si è rivelata vincente, attualmente il piazzale con stazione degli autobus è in uso, senza alcun problema di assestamento al passaggio dei carichi, né cedimenti”.


Logo Laterlite 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su