Combattere l’umidità: Mapei presenta le soluzioni per il risanamento delle murature

Mapei presenta le proprie soluzioni per il risanamento delle murature: Mapestop Cream, PoroMap Deumidificante e Mape Antique NHL Eco Risana. Tre soluzioni all’avanguardia in grado di risolvere le principali problematiche dovute all’umidità.


MAPESTOP CREAM: per risolvere l’umidità di risalita capillare nelle murature

Un problema frequente degli edifici esistenti, sia di recente costruzione che antica, è l’umidità di risalita che si genera quando, in assenza di un sistema di impermeabilizzazione o in presenza di un sistema non correttamente progettato, l’acqua e i Sali dal terreno risalgono all’interno delle pareti per “capillarità” innescando i fenomeni di degrado (fisico e chimico) del sistema costruttivo che si concretizzano con la comparsa di macchie sulle pareti, con la disgregazione degli intonaci o dei materiali da costruzione o con il distaccamento degli strati pittorici o, più in generale, con lo sfogliamento delle tinteggiature.

Nel caso in cui, dopo una accurata diagnosi, si concluda che la presenza di acqua all’interno di una muratura sia da attribuire alla risalita capillare e non a perdite dovute alla rottura di tubazioni o ad infiltrazioni, si dovrebbe provvede normalmente ad effettuare delle analisi di laboratorio di alcuni campioni di materiale prelevati dal sito, al fine di determinare la quantità e la natura dei Sali presenti.

Un altro fondamentale intervento precedente all’utilizzo di qualsiasi tecnica di risanamento della muratura è la preparazione del supporto, quindi il trattamento dei Sali al suo interno.

Attualmente, nella pratica edilizia, ci sono vari tipi di sistemi che vengono utilizzati per interrompere o limitare al massimo i processi di degrado dovuti alla presenza di acqua nelle murature; i principali sono:

  • i sistemi di allontanamento delle acque;
  • gli intonaci deumidificanti;
  • le barriere chimiche.

Queste differenti tipologie di soluzione, possono essere usate singolarmente, oppure associate al fine di garantire risultati più efficaci e duraturi. Precedentemente all’utilizzo di qualsiasi tecnica di risanamento delle murature affette da umidità di risalita, è di fondamentale importanza procedere ad una accurata diagnosi delle cause del degrado.

 

Come intervenire con la barriera chimica

Tra le varie soluzioni sviluppate da Mapei, il gel MAPESTOP CREAM è una soluzione efficace e pronta all’uso per la realizzazione di barriere chimiche contro l’umidità di risalita.

È indicato per il risanamento di murature esistenti compatte in pietra, mattoni, tufo, calcestruzzo e miste, anche di pregio storico e artistico, o di recente costruzione, interessate dalla presenza di umidità di risalita capillare e Sali solubili.

 

MAPESTOP CREAM: la barriera chimica per risolvere il problema dell’umidità di risalita capillare nelle murature

Campi di applicazione

Il sistema può essere impiegato per interrompere e/o diminuire sensibilmente la risalita di umidità proveniente dagli elementi interrati, attraverso i pori capillari presenti in tutti i materiali da costruzione, in particolar modo per risanare:

  • murature esistenti in pietra, mattoni pieni, tufo, calcestruzzo e miste poste in zone lagunari, in prossimità di corsi d’acqua o del mare;
  • strutture in calcestruzzo;
  • murature al cui interno sono presenti vuoti, purché preventivamente consolidate con boiacche da iniezione delle gamme Mape Antique oppure MapeWall;
  • murature dove non sono più efficaci gli interventi effettuati precedentemente, per esempio con cartoni bitumati o guaine bituminose;
  • murature in blocchi di calcestruzzo cellulare;
  • murature di recente costruzione;
  • murature esistenti, anche di pregio storico ed artistico, sotto tutela delle Soprintendenze Belle Arti e Paesaggio.

Ciclo Applicativo di MAPESTOP CREAM - Guarda il video

 

POROMAP DEUMIDIFICANTE: un unico prodotto per il risanamento delle murature

L’utilizzo dell’intonaco deumidificante viene raccomandato per risanare murature degradate dalla presenza di umidità di risalita capillare e dall’azione disgregante prodotta dai Sali solubili quali solfati, cloruri e nitrati.

Vediamo come è possibile intervenire attraverso l’innovativo POROMAP Deumidificante, un unico prodotto per il risanamento delle murature.

Per il risanamento di murature soggette ad umidità di risalita si può prevedere l’utilizzo di un intonaco deumidificante.

Mapei ha sviluppato due diversi sistemi:

Indipendentemente dal sistema prescelto, occorre completare l’intervento con adeguate finiture e pitture che non ostacolino in alcun modo l’evaporazione dell’umidità presente nella muratura.

I sistemi deumidificanti Mapei si basano su tre caratteristiche principali: macroporosità, in grado di “favorire” l’evaporazione dell’umidità contenuta nelle murature, resistenza ai Sali, per intervenire in modo durevole, e compatibilità con le caratteristiche chimico-fisiche e prestazionali della muratura sulla quale si sta intervenendo.

Il sistema monoprodotto Mapei è caratterizzato inoltre dalla possibilità di realizzare l’intero sistema di risanamento con l’utilizzo di un unico prodotto: POROMAP Deumidificante.

 

POROMAP DEUMIDIFICANTE: un unico prodotto per il risanamento delle murature

 

Caratteristiche tecniche di POROMAP Deumidificante

POROMAP Deumidificante è una malta premiscelata in polvere per intonaci deumidificanti macroporosi e isolanti, composta da leganti idraulici speciali a reattività pozzolanica e resistenti ai Sali solubili, sabbie naturali, aggregati leggeri, speciali additivi, a bassissima emissione di sostanze organiche volatili (EMICODE EC1 R Plus).

Le caratteristiche e i benefici principali del prodotto sono:

  • monoprodotto e monostrato;
  • alleggerito e fibrato;
  • ideale per tutti i tipi di murature;
  • altissima traspirabilità e porosità;
  • miscelabile anche con frusta;
  • applicabile in interno ed esterno.

Intonaco deumidificante monoprodotto: Applicazione a cazzuola di PoroMap Deumidificante

Applicazione a cazzuola di PoroMap Deumidificante.

 

Passi fondamentali da svolgere nell’uso degli intonaci deumidificanti monoprodotto

  1. Rimuovere completamente gli intonaci degradati, manualmente o con attrezzi meccanici, per un’altezza di circa 50 cm al di sopra della zona in cui si è manifestato il degrado e, comunque, per un’altezza non inferiore al doppio dello spessore del muro. Rimuovere anche tutto il materiale incoerente, friabile, polvere, muffe e quant’altro possa pregiudicare l’adesione di POROMAP DEUMIDIFICANTE, fino a ottenere un supporto pulito, sano e compatto.

  2. Procedere al lavaggio con acqua a bassa pressione della muratura, al fine di eliminare eventuali efflorescenze e Sali solubili nella muratura. All’occorrenza, ripetere più volte quest’ultima operazione.

  3. Eventuali vuoti o discontinuità presenti nella muratura dovranno essere ripristinati tramite la tecnica della “rincocciatura” o dello “scuci-cuci”, impiegando pietre, mattoni o tufo aventi caratteristiche corrispondenti, quanto più possibile, a quelle dei materiali originari, con una delle malte da muratura della linea MAPE-ANTIQUE.

  4. Procedere alla saturazione con acqua del supporto, al fine di impedire che il substrato possa sottrarre acqua alla malta, pregiudicandone le caratteristiche prestazionali finali. L’acqua libera in eccesso dovrà essere eliminata, in modo che la muratura risulti satura di acqua, ma con la superficie asciutta (condizione di s.s.a.). Per facilitare e accelerare tale operazione può essere utilizzata aria compressa. Qualora il supporto non possa essere saturato con acqua è consigliabile, comunque, inumidirlo, per consentire la corretta adesione delle malte impiegate.

  5. Applicare POROMAP DEUMIDIFICANTE in uno spessore non inferiore a 20 mm, partendo dalla parte bassa della muratura. Nel caso in cui lo spessore da riportare sia superiore a 30 mm, POROMAP DEUMIDIFICANTE deve essere applicato in più mani, avendo l’accortezza di realizzare i diversi strati successivi, su quello precedente non frattazzato e grezzo.

  6. Dopo l’applicazione attendere alcuni minuti prima di procedere alla livellatura con staggia di alluminio ad “H” o a coltello, con passaggi in senso orizzontale e verticale, sino a ottenere una superficie piana. Rimuovere le guide verticali, qualora utilizzate, riempiendo i vuoti con lo stesso prodotto. La finitura della superficie dell’intonaco può essere eseguita con frattazzo di plastica, di legno o di spugna già dopo alcune ore dall’applicazione e, comunque, in funzione della temperatura e delle condizioni ambientali. In ogni caso evitare di pressare la superficie di POROMAP DEUMIDIFICANTE per non ridurne la porosità e, di conseguenza, non ostacolare l’evaporazione dell’umidita presente nella muratura.

  7. Nel caso in cui si desideri avere una superficie con una tessitura più fine rispetto a quella ottenuta frattazzando POROMAP DEUMIDIFICANTE, si può procedere alla stesura di POROMAP FINITURA CIVILE o in alternativa POROMAP FINITURA GRANELLO, da scegliersi in funzione dell’effetto estetico desiderato.

  8. Per la pitturazione impiegare prodotti a base di Silicato di potassio (Linea SILEXCOLOR) o a base Silossanica (Linea SILANCOLOR).

Il sistema monoprodotto Mapei può essere preferito al sistema tradizionale, soprattutto laddove si volesse puntare a ottenere un ciclo di risanamento facile e veloce, garantendo comunque all’intervento le sopra menzionate caratteristiche di macroporosità e resistenza ai Sali.

 

MAPE ANTIQUE NHL ECO RISANA: l’innovativa calce sostenibile per deumidificare

La sostenibilità e in generale le tematiche ambientali - argomenti trasversali a diversi settori produttivi - rappresentano un obiettivo primario del processo edilizio, grazie alla sempre maggiore attenzione e sensibilità dell’opinione pubblica, dei governi e di tutti gli attori coinvolti, dalla committenza fino ai progettisti e ai costruttori.

L’edilizia, responsabile dell’estrazione del 50% delle materie prime di tutta Europa, del 36% delle emissioni di CO2, del 40% dei consumi energetici e del 21% dei consumi d’acqua, ha elevati margini di miglioramento per essere sempre di più definita “green”.

Questo cambiamento, che deve riguardare l’intero ciclo di vita dell’edificio e l’ecosistema che gli gravita attorno (LCA), può essere ottenuto attraverso scelte che possono rendere più sostenibile il settore delle costruzioni. Una scelta più attenta delle metodologie costruttive, delle tecnologie e dei materiali, è sicuramente un passo fondamentale verso un'edilizia sostenibile.

L’utilizzo di materiali prodotti con alto contenuto di riciclato in impianti efficienti e che sfruttano le energie rinnovabili, a basso impatto ambientale, con bassissime emissioni di sostanze organiche volatili, sono alla base del percorso che Mapei sta compiendo nel campo della sostenibilità.

Anche grazie all'attività di Ricerca e Sviluppo, Mapei vuole coniugare lo studio dei materiali del passato e di tecnologie innovative con la tematica della sostenibilità, con l'obiettivo di fornire materiali di alta qualità, ma anche meno impattanti in cantiere grazie a una più facile gestione dei rifiuti e a una diminuzione dei tempi e delle energie per la realizzazione dei sistemi di prodotto.

Un esempio concreto di questo percorso sono i prodotti della nuova Gamma Mape-Antique NHL ECO, in particolare MAPE-ANTIQUE NHL ECO RISANA, un intonaco deumidificante monoprodotto e monostrato a base di pura calce idraulica naturale e materiali riciclati, esente da cemento, per il risanamento di murature soggette a umidità di risalita, particolarmente indicato in edilizia storica ma anche quella di recente costruzione.

 

MAPE ANTIQUE NHL ECO RISANA: l’innovativa calce sostenibile per deumidificare

 

 

Perché scegliere Mape-Antique NHL ECO Risana

Questa eco malta, che possiede le più importanti caratteristiche dei deumidificanti (alta traspirabilità, macroporosità e resistenza chimica e fisica ai sali), è studiata per rispondere ai Criteri Ambientali Minimi (CAM), è compatibile con tutte le murature in mattone, pietra tufo e miste ed è applicabile sia a cazzuola che con intonacatrice.

Inoltre, oltre a essere conforme alla EN 998-1 (R-CSII – Malta da risanamento), possiede la certificazione di marcatura GEV EMICODE EC1 Plus, che certifica la bassissima emissione di sostanze organiche volatili in modo da garantire un’eccellente qualità dell’aria anche quando applicato su murature interne.

 

Intonaco deumidificante Mape-Antique NHL eco risana

Applicazione a cazzuola di MAPE-Antique.

 

I vantaggi dell’utilizzo di NHL Eco Risana in cantiere

Essendo un deumidificante monoprodotto e monostrato, l’applicazione è facile e veloce.

MAPE-ANTIQUE NHL ECO RISANA, può essere applicato direttamente sulle murature, senza l’ausilio di un rinzaffo, caratteristica che permette una forte diminuzione dei tempi e costi di applicazione, oltre che di energie.

Un ulteriore importante elemento è la marcatura relativa al sacco che contiene questa malta: il logo Aticelca, infatti, garantisce la sua riciclabilità nella carta e cartone, diminuendo così i costi e consumi per lo smaltimento dell'imballo.

 

Per chi è pensato Mape-Antique NHL Eco Risana

Per le sue caratteristiche di sostenibilità, MAPE-ANTIQUE NHL ECO RISANA è stato pensato per progettisti della bioediliza, ma anche per i tecnici che si occupano di edifici storici, in quanto tutti i prodotti della Gamma Mape-Antique NHL ECO sono composti da pura calce idraulica naturale, senza l’utilizzo di cementi, nel rispetto dei vincoli che spesso sono posti dalle Soprintendenze.

Grazie alla crescente sensibilità verso l’ambiente, questi prodotti sono sempre più richiesti da imprese che operano in grandi e piccoli cantieri e quindi facilmente reperibili nelle rivendite di materiali edili.

 


Risanamento delle mura degli edifici contro i disagi causati dall’umidità?
RICHIEDI UNA CONSULENZA TECNICA A MAPEI


 

La storia di MAPEI

Chi è MAPEI

Fondata nel 1937 a Milano, Mapei è uno tra i maggiori produttori mondiali di prodotti chimici per l’edilizia ed ha contribuito alla realizzazione delle più importanti opere architettoniche e infrastrutturali a livello globale. Con 91 consociate distribuite in 57 Paesi e 84 stabilimenti produttivi operanti in 35 nazioni, il Gruppo occupa circa 11.000 dipendenti in tutto il mondo. Nell’anno 2020 il Gruppo Mapei ha registrato un fatturato consolidato di 2,8 miliardi di euro. Alla base del successo dell’azienda: la specializzazione, l’internazionalizzazione, la ricerca e sviluppo e la sostenibilità.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su