Determinazione delle classi di rischio sismico ante e post intervento di un centro commerciale

Relazione di valutazione della sicurezza sismica del centro commerciale “Arcobaleno” con progettazione di intervento di miglioramento strutturale
COMUNE DI SERMIDE (MN)

Relazione illustrativa
La presente relazione affronta la stima del grado di sicurezza secondo le regole previste dalle Norme Tecniche per le Costruzioni del 2008 di un fabbricato ad uso commerciale, denominato Centro Commerciale “Arcobaleno” sito a Sermide (MN) in via dei Cipressi.
Come verrà illustrato in seguito, viste le carenze della struttura si predisporranno degli interventi finalizzati al suo miglioramento strutturale. Verranno quindi individuate le classi di rischio sismico, prima e dopo gli interventi.

Esso è stato costruito all’inizio degli anni 90 e precisamente:
- Denuncia delle opere in c.a. ai sensi della L. 1086/71 depositata presso il Genio Civile di Mantova in data 23/07/1992;
- Relazione a struttura ultimata redatta in data 15/07/1994;
- Collaudo statico in data 10/09/1994.

I calcoli e le verifiche si basano sulle informazioni ricavate dagli elaborati contenuti nella denuncia delle opere in c.a. Si tratta di una struttura prefabbricata a telaio (nella definizione del § 7.4.5.1), a pianta rettangolare irregolare, che per una parte si sviluppa a due livelli e per una parte ad un unico piano. Le strutture portanti verticali sono costituite da pilastri prefabbricati in c.a. in prevalenza da cm. 45 x 45 ed in parte da cm. 50 x 50, travi prefabbricate intermedie in c.a.p. a “T” o ad “L” e travi di copertura in c.a.p. doppia pendenza. Su dette strutture sono stati disposti tegoli in c.a.p. del tipo binervato e quadrinervato. La copertura è realizzata in parte con lastre di fibrocemento ed in parte a terrazza. Le fondazioni sono del tipo “a zatterone” con bicchieri prefabbricati poggianti su solette in c.a. gettate in opera. Il tamponamento è del tipo a pannelli orizzontali posti all’esterno dei pilastri. I pilastri sono considerati incastrati alla base, le travi sono in semplice appoggio sui pilastri e le travi di copertura sono a loro volta appoggiate alle travi.

La struttura è stata progettata e realizzata senza considerare azioni sismiche in quanto all’epoca l’area non era classificata come sismica.

SCARICA LA RELAZIONE IN FORMATO PDF


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su