PROTEZIONE CIVILE - BOCCALI: “INTERVENTI SU TERRITORIO FUORI DAL PATTO, NUOVA LEGGE URBANISTICA ...

11/04/2013 2269

Alcuni capitoli di spesa per gli interventi sul territorio devono essere obbligatori sia per lo Stato che per gli enti locali. In particolare, le misure di prevenzione sismica e quelle sul rischio idrogeologico devono restare fuori dai vincoli del patto di stabilità”. Lo ha ribadito Wladimiro Boccali, sindaco di Perugia e delegato Anci alla Protezione civile, partecipando questa mattina a Roma ad un dibattito promosso dall’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (Anbi) sull’aggiornamento del ‘Piano per la Riduzione del Rischio Idrogeologico’ nel nostro Paese.

Nel suo intervento Boccali ha posto anche il tema della legislazione che disciplina la tutela del territorio. “Serve un sistema normativo organico ed, in questo senso, ‘la madre di tutte le battaglie’ è sicuramente il varo di una nuova legge sull’urbanistica”, che – ha evidenziato il sindaco perugino – deve “partire dall’uso limitato del suolo puntando, anche attraverso meccanismi di incentivazione fiscale, sul riuso, sulla riqualificazione urbana e su quella energetica”.

Infine, il tema più volte sollevato dall’Anci della semplificazione e della definizione chiara della ‘filiera’ delle responsabilità. “Quando si realizza un‘opera sul territorio bisogna capire chi fa e che cosa, e di chi sono le competenze. Altrimenti – ha concluso il presidente di Anci Umbria – rischiamo di perderci nei meandri burocratici, e magari nel frattempo arriva la vera emergenza con l’unico responsabile che rimane il sindaco

FONTE: ANCI