Edilizia scolastica,terremoto Emilia e Toscana,debiti P.A.: alcune novità dall’ultimo C.d.M.

22/04/2014 7004
Molte le novità dall’ultimo Consiglio dei Ministri tenutosi lo scorso 18 aprile e che ha portato conferma a numerose notizie che circolavano da giorni: dalle niziative per migliorare la competitività e la giustizia sociale, a quelle sulla riduzione del cuneo fiscale,  sul contrasto all’evasione fiscale, alle novità nella Pubblica Amministrazione fino a quelle sulle misure alle province emiliane e toscane coinvolte dagli eventi sismici e ai nuovi fondi per l’edilizia scolastica.
Per consultare tutti i provvedimenti vai sul sito www.governo.it
 
Di seguito si riassumono alcuni dei provvedimenti  riguardanti l’edilizia scolastica, gli eventi sismici dell’Emilia e delle province di Lucca e Massa Carrara e le decisioni in merito ai debiti della Pubblica Amministrazione.
 
Nuovi fondi per la ristrutturazione delle scuole
Grazie ad un allentamento del patto di stabilità interno, le risorse per la ristrutturazione degli edifici scolastici si incrementano di 122 milioni di euro e di 300 milioni attraverso la riprogrammazione di fondi.
 
Misure in favore delle popolazioni dell’Emilia Romagna
Approvato dal Consiglio dei Ministri un decreto-legge recante misure urgenti in favore delle popolazioni dell’Emilia Romagna colpite dal terremoto e dai successivi eventi alluvionali del 17 e 19 gennaio scorsi.
Il decreto  disciplina ulteriori modalità di intervento del Commissario per la ricostruzione delle zone colpite, al fine di garantire l’attuazione degli interventi per il ripristino dei danni, l’assistenza alle popolazioni e la ripresa economica nei territori dei comuni interessati dall’alluvione che ha aggravato la situazione delle zone già colpite dal terremoto del 2012. Viene altresì assicurata per il 2014 l’operatività del Fondo per le emergenze nazionali previsto dalla legge n.225 del 1992 in materia di protezione civile.
 
Proroga dello stato d’emergenza per Lucca e Massa Carrara e nuovi fondi
È stata prorogata di sessanta giorni la durata dello stato di emergenza già dichiarato in conseguenza del terremoto che il 21 giugno 2013 ha colpito il territorio delle province di Lucca e Massa Carrara, al fine di consentire il completamento delle operazioni di protezione civile in atto. Con specifica delibera è stato altresì approvato un primo stanziamento di 5 milioni di euro per l’avvio degli interventi di protezione civile di ripristino di strutture ed infrastrutture danneggiate, nonché per la messa in sicurezza del territorio.
 
Pagamento dei debiti arretrati delle pubbliche amministrazioni
Viene incrementato il plafond delle risorse finanziarie a disposizione degli enti delle pubbliche amministrazioni che hanno debiti nei confronti di terzi. Oltre ai 47 miliardi già stanziati, in parte pagati e in parte in corso di pagamento, il Governo rende disponibili ulteriori 13 miliardi.
Inoltre viene istituito il meccanismo che agevola la cessione del credito delle imprese agli istituti finanziari, grazie a una garanzia dello Stato e al ruolo di Cassa Depositi e Prestiti.
L’ulteriore pagamento di debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni produrrà nel 2014 un incremento del gettito dell’IVA dovuto (calcolato prudenzialmente su 5 miliardi di euro, che corrispondono alle richieste pervenute dagli enti debitori) per 650 milioni.
 

FONTE:  www.governo.it