Infrastrutture per le Marche: passi avanti per la Fano Grosseto

Lo scorso 8 maggio, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il ministro Maurizio Lupi, il viceministro Riccardo Nencini, i presidenti delle Regioni, Toscana e Marche, Enrico Rossie Gian Mario Spacca, e l’Assessore alle infrastrutture, trasporti e mobilità urbana della Regione Umbria Silvano Rometti e il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci hanno sottoscritto gli atti necessari per la costituzione della Società di Progetto per la realizzazione dell’arteria stradale Fano-Grosseto.
 
Si tratta di una infrastruttura strategica per le tre regioni attraversate MARCHE, UMBRIA e TOSCANA. L'opera, tra le priorità del Governo sarà una delle prime opere in project financing che usufruirà della nuova normativa fiscale recentemente approvato.
 
“Voglio ringraziare – ha dichiarato il ministro Maurizio Lupi – in particolare il viceministro Nencini, i rappresentanti delle Regioni e l’Anas per il grande lavoro che hanno svolto e che ci ha portato oggi alla costituzione formale della Società di Progetto per la E-78.
 
Il Governo – ha proseguito il Ministro – ha avuto grande attenzione per questo importantissimo asse stradale dell’Italia centrale. Avevamo dato un cronoprogramma certo e la firma di oggi è particolarmente importante per il Paese intero, perché dimostra che con l’impegno e la volontà – ha concluso Lupi – è possibile superare le difficoltà e raggiungere risultati concreti”.
 
“La costituzione della società per azioni pubblica di progetto per la E78 “Fano Grosseto” – ha dichiarato il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci – è di straordinaria importanza per vari motivi. Innanzitutto perché costituisce uno strumento prezioso di collaborazione tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le Regioni Marche, Toscana ed Umbria e l’Anas, aperto alle altre istituzioni territoriali interessate, come le Camere di Commercio, le Province e i Comuni.”
 
Si tratta dell’atto formale di avvio della realizzazione di una delle più importanti infrastrutture per il centro Italia nei confronti della quale il ministro Lupi ha rivolto una grande attenzione fin dal suo insediamento. E’, inoltre, una delle ulteriori evidenze dell’utilizzo dello strumento del “project financing” per la realizzazione delle grandi opere nel Paese.