Edilizia scolastica, Renzi avvia la fase 2

Al via la seconda fase dell'"Operazione edilizia scolastica". Un ultimo passaggio per i 4.400 sindaci che hanno già aderito alla chiamata del governo e del presidente del Consiglio Matteo Renzi e che dovranno, entro venerdì prossimo, 23 maggio, completare la documentazione necessaria.

Lo scorso 3 marzo il Premier aveva indirizzato a tutti i sindaci italiani una lettera aperta nella quale si chiedeva che segnalassero le priorità di intervento su una struttura scolastica del loro Comune. In una nuova lettera inviata ora ai sindaci che hanno risposto a quella chiamata, Renzi ricorda come l'edilizia scolastica sia "uno dei punti qualificanti dell'agenda del governo sin dal primo giorno.
Un punto che riguarda la sicurezza dei nostri ragazzi, la capacità di progetto delle nostre amministrazioni, la qualità del nostro vivere assieme che dovrebbe essere e sarà la cifra dell'Italia". "A tutti voi - scrive Renzi - presenteremo una proposta di soluzione personalizzata, predisposta sulla base del bilancio del Comune, per realizzare al più presto l'intervento che avete ipotizzato. Abbiamo liberato risorse e spazio di patto di stabilità. Dunque, possiamo partire".

I sindaci sono quindi invitati a compilare alcuni moduli relativi ai progetti presentati e a inviarli a scuole@governo.it.