Da Arpinge una “spinta” per far ripartire il Paese

11/09/2014 3715
Architetti, periti industriali, ingegneri e geometri uniti per rilanciare gli investimenti nelle infrastrutture e immobiliare
 
Presentata ufficialmente lo scorso 10 settembre, ARPINGE è la nuova società per azioni, costituita dalle tre casse pensionistiche di categoria (Inarcassa, Eppi e Cipag), con l’obiettivo di utilizzare in maniera produttiva il risparmio previdenziale.
Attraverso le risorse delle tre Casse di Previdenza, il “mondo die tecnici” mira a dar il via ad uno “sblocca Italia privato” che investirà nei settori delle infrastrutture e dell’immobiliare, in comparti quali energia, parcheggi, reti gas, residenze sanitarie assistiti, ma anche scuole, la logistica ed immobili in fase di privatizzazione alcuni tra i settori di operatività.
 
340 milioni di euro sono gli investimenti previsti per il triennio 2014-2016, di cui 160 milioni di euro di competenza diretta di Arpinge e la differenza riconducibile alle ipotesi di indebitamento e partnership con altri investitori.  Nell’immediato sono previsti  15 progetti per un ammontare complessivo di risorse impiegate di circa 140 milioni, con la possibilità di sbloccare i primi cantieri entro la fine dell’anno.
 
Per quanto riguarda la ripartizione geografica dei progetti,  la maggior parte si collocano al Nord con il 57%, seguito dal Sud (29%) e Centro (17%) della Penisola.
 
Le tre Casse che hanno dato vita ad Arpinge sono «portatrici di idee e di coraggio - ha affermato il presidente Santoro - il nostro è un veicolo di best practice negli investimenti infrastrutturali e immobiliari, a beneficio dei nostri 300.000 associati fra architetti, ingegneri e geometri, e di milioni di cittadini»