Blue Book 2014: architetti e costruttori cruciali per la crescita

06/10/2014 2418

Secondo la nuova edizione del Blue Book, in tutto il mondo l'architettura e l'edilizia hanno un ruolo significativo da svolgere nel promuovere una maggiore produttività economica in una "nuova era di crescita".
AECOM, società leader nella fornitura di servizi relativi alle costruzioni e all’ambiente, ha pubblicato il suo Blue Book 2014 che quest'anno si concentra sul miglioramento della produttività del settore immobiliare e delle costruzioni.
Il rapporto descrive come queste industrie, pur continuando a recuperare dal passato turbolenze economiche, potranno prosperare in questa nuova era di crescita.
"Come global business e di conseguenza anche nell’ambito delle costruzioni, il nostro settore ha bisogno di assumere un ruolo attivo nel modo in cui si formerà questa nuova era. Migliorare la produttività è oggi di fondamentale importanza per realizzare una crescita economica sostenibile ", ha detto AECOM Global Chief Executive Buildings and Places Jason Prior.
Il Blue Book attinge conoscenze ed esperienze dalle industrie leader mondiali del settore per esplorare alcune delle grandi idee necessarie per migliorare la produttività.
In termini di progettazione, AECOM afferma che l'industria deve adottare un approccio integrato per costruire le città, con la loro complessità in debita considerazione, quando la trasformazione delle comunità che in esse vivono. Una comprensione approfondita del rapporto tra i sistemi interconnessi che compongono una città è fondamentale in tutte le fasi di sviluppo. In tal senso, uno strumento di pianificazione che consenta una visione ampia del tessuto urbano può aiutare gli sviluppatori urbani e i progettisti a prendere decisioni più informate e corrette.
Esempio di questo approccio progettuale è rappresentato dalla città cinese di Xi'an di Samsung in Cina nord-occidentale, dove il progetto non si è focalizzato intorno ad un unico sistema, l'industria o la tecnologia, ma invece ha cercato di concentrarsi su sistemi integrati che affrontano obiettivi più ampi quali la vivibilità, la sostenibilità e le alte prestazioni.
Inoltre, la massimizzazione delle entrate e le risorse necessarie alla manutenzione del bene, richiedono un'attenta considerazione su come verranno utilizzati questi spazi e come funzioneranno gli edifici con l'area circostante. AECOM cita una riprogettazione dei 22.686 metri quadrati di superficie presso la sede del National Grid nel Regno Unito, dove si dice che una comprensione delle esigenze delle postazioni di lavoro attuali e future hanno portato ad un risparmio economico.
Nella relazione si legge: "In un mercato complesso e accelerato come quello di oggi, la funzionalità di questi luoghi non si basa solo sui costi operativi e di costruzione, ma anche sul modo in questi spazi vengono utilizzati e apprezzati da coloro che vivono, giocano o lavorare in essi. In un'epoca di crescente concorrenza, i proprietari che si concentreranno sulle soluzioni apprezzate degli utilizzatori, otterranno maggiori ricavi e allungheranno la vita dei loro beni."
AECOM afferma che si può migliorare il processo di costruzione, anche attraverso un maggiore utilizzo di materiali e metodi innovativi che possono contribuire ad una maggiore produttività, significativo risparmio di tempo, maggiore qualità ed efficacia ambientale.
Ad esempio, la progettazione in legno sta guadagnando terreno in tutto il mondo come un approccio più produttivo e sostenibile. Secondo il rapporto, si può ottenere un risparmio del 30 per cento per quel che riguarda la durata del progetto, in quanto i tempi di realizzazione legati a tale tipologia costruttiva risultano brevi anche grazie ad una parziale prefabbricazione a terra.
Il rapporto ricorda anche che la migliore utilizzazione e il mantenimento nel tempo della stessa forza lavoro (senza così disperdere la conoscenza acquisita nel settore - riducendo l'impatto dei lavoratori transitori) può migliorare, a sua volta, la produttività.
AECOM raccomanda l'esplorazione di meccanismi finanziari alternativi per i progetti di sviluppo. La relazione rileva che il partenariato del settore privato può sopperire alla carenza di fondi pubblici. Inoltre risulta di grande importanza utilizzare i nuovi metodi acquisizione e analisi dei dati al fine di migliorare la fornitura e la gestione di edifici ed infrastrutture, con tecnologie quali il Building Information Modeling, che offre un enorme potenziale in termini di quest'ultima considerazione. Nel rapporto si scrive: "La produttività deve essere affrontata con uno sguardo all'intero ciclo di vita del bene - la progettazione, la costruzione, la finanza e la gestione. Collettivamente possiamo migliorare l'ambiente costruito attraverso un approccio integrato che incoraggia la collaborazione e partnership."