Massimo Sessa: riformare il sistema nazionale del Genio Civile

01/10/2015 6047

Il Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Massimo Sessa lo ha affermato al 60 Congresso Nazionale degli Ingegneri.

Sessa ha osservato che spesso il Genio Civile abbia sul territorio un comportamento non omogeno e questo possa rappresentare un problema per il mondo delle costruzioni.

Per questo incontrerà nei prossimi mesi i rappresentanti territoriali del Genio CIvile e auspica una riforma dell'organo di controllo.

Il Presidente ha anche commentato le posizioni del CNI e - in particolare - del presidente Zambrano, sulla necessità di riformare il sistema di produzione delle norme. In sintesi si è dichiarato favorevole a poter individuare una procedura che possa portare a tempi più brevi per la produzione di nuove norme.

Infine, sollecitato dal giornalista Andrea Pancaldi, ha sostenuto l'importanza che il Consiglio Generale dei Lavori Pubblici sia ampio e con diverse competenze.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su