Compravendita immobile residenziale ristrutturato: su imposta di registro o IVA decide il venditore

14/10/2015 2747

In caso di acquisto di un immobile residenziale ristrutturato da impresa con lavori terminati entro il 2006, è facolta del venditore optare per l'imposta da pagare: la scelta è tra quella di registro (riferita al valore catastale) e l'IVA (che si paga sul prezzo di acquisto)

L’imposta di registro per la prima casa é al 2%, mentre in caso si scelga l’IVA l’imposta sale al 4% e si calcola sul prezzo di acquisto. La scelta spetta al venditore di immobile residenziale ristrutturato con le caratteristiche di 'prima casa' e posto auto pertinente.

E' importante ricordare che di base è dovuta l'imposta di registro, ma è facolta del venditore optare per il regime di compravendita ad IVA, così come è previsto dall’articolo 10, n. 8 - bis) e 8 - ter) del DPR 633/72. Nel caso di imposta di registro, anche se a vendere è una società, la base imponibile è data dal valore catastale, che corrisponde alla rendita rivalutata del 110,5%.