Edilizia scolastica: accordo tra Italia Sicura e GSE per il conto termico

05/12/2016 1820

Il protocollo sottolinea la possibilità di usufruire di incentivi in Conto Termico anche nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia, compreso l’ampliamento fino a un massimo del 25% della volumetria

L'edilizia scolastica italiana può 'contare' sull'aiuto del GSE per regolare il suo conto termico. E' uno degli obiettivi del nuovo protocollo d'intesa firmato dal GSE e da Italia Sicura, con la coordinatrice Galimberti a sottolineare l’intento di “offrire alle Amministrazioni e agli Enti locali interessati uno strumento in più per proseguire nell’opera di recupero, messa in sicurezza ed efficientamento energetico del patrimonio immobiliare scolastico del territorio italiano”.

Tra gli obiettivi dell'accordo, infatti, la garanzia della sostenibilità e l’efficientamento energetico delle scuole italiane, oltre a sensibilizzare sul tema dell’adeguamento antisismico attraverso lo strumento del Conto Termico.
 
Nello specifico, il Protocollo evidenzia come sia possibile usufruire di incentivi in Conto Termico anche nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia, compreso l’ampliamento fino a un massimo del 25% della volumetria, finalizzato a trasformare gli edifici di proprietà della Pubblica amministrazione in “edifici a energia quasi zero”.