Nozioni di Coordinamento BIM alla luce della UNI 11337:2017

In questo articolo si affronterà l’attività di Coordinamento in ambito BIM alla luce di quanto presente nella norma UNI 11337:2017.

Punto della situazione

Alla luce da quanto introdotto dal DM 560/2017  l’introduzione del BIM negli appalti pubblici è ormai definito: entro il 2025 ogni appalto pubblico sarà realizzato secondo la modalità BIM. Cosa comporterà nel mondo della progettazione, quali saranno le modalità di coordinamento e controllo dei progetti? 

Ci sembra importante vedere nella norma UNI quali siano i passaggi principali per poter anticipare eventuali

Introduzione alla normativa UNI11337 

Parliamo della Norma UNI11337:2017 intitolata “Gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni”. Oggetto della Norma UNI11337 è proprio l’introduzione delle procedure BIM in ambito nazionale. È composta da una serie di capitoli (o Parti) che descrivono in modo dettagliato tutta una serie di procedure e terminologie che permettono di applicare il BIM correttamente.

Nella sua conformazione attuale la Norma è così composta:

uni11337-capitoli

È da tener presente che si tratta di un’opera non ancora pubblicata nella sua interezza. Per varie ragioni e priorità, sono già state pubblicate le parti 1, 4, 5 e 6. Altre risultano in fase di completamento e verranno pubblicate nel 2018.

Quanto è già disponibile ci permette di comprendere meglio le dinamiche presenti nella progettazione BIM, con particolare attenzione al flusso di lavoro ed ai momenti di controllo e verifica, oggetto del nostro articolo. Vediamo in dettaglio come le UNI11337 ci possano essere utili.

Il concetto di BIM 

Cosa si intende con BIM? Si tratta di un acronimo di origine anglosassone che, nella definizione più generalmente accettata significa Building Information Modeling (BIM). Nella progettazione BIM il flusso delle informazioni viene condiviso dalle differenti Discipline coinvolte (architettonica, strutturale e impiantistica) grazie all’adozione di formati di scambio aperti (IFC) e interoperabili (secondo i criteri e le linee guida definite da BuildingSmart).

processo-informativo-costruzioni

Senza scendere troppo nel dettaglio, ogni fase della progettazione è caratterizzata da un grado crescente di definizione grafica e informativa degli oggetti e a seconda di quanto viene ritenuto più opportuno, vengono eseguite delle verifiche su quanto consegnato.

Il processo informativo delle costruzioni è composto da una serie di fasi raggruppate in stadi (come si può notare dalla Figura 1 le fasi sono più dilatate rispetto alle conosciute preliminare – definitivo – esecutivo).

Le fasi (che nell’immagine vengono numerate progressivamente) vanno da quella esigenziale a quella dedicata a gestione e manutenzione. 

Tra questi estremi esistono dei momenti di consegna e verifica, veri e propri milestone progettuali chiamati livelli di coordinamento e verifica. Nella parte 5 delle Norme li troviamo spiegati in dettaglio.

...CONTINUA LA LETTURA NEL PDF