2 MW di potenza per un’esperienza da sogno

Claudio Zaffardi - Application Support Manager Danfoss VLT Drives 26/06/2018 811

 

Volare è sempre stato il sogno dell’uomo fin dai tempi antichi, quel sogno che fino ad oggi solo i paracadutisti in caduta libera possono dire di aver veramente realizzato. 
Nasce ora a Torino Fly Experience, il primo wind tunnel verticale mai realizzato in Italia che permette a chiunque di provare la vera emozione del volo, ovvero le stesse sensazioni e la stessa percezione che prova un paracadutista in caduta libera. 

2mw_danfoss05.jpg

Un progetto innovativo 

La camera di volo è costituita da un cilindro di vetro trasparente del diametro di 4,30 metri per 11 di altezza, all’interno del quale un potente flusso d’aria verticale permette ad una o più persone di librarsi in volo e di percepire la fantastica sensazione di fluttuare nel vuoto, tutto nella massima sicurezza delle più avanzate tecnologie. 

2mw_danfoss01.jpg

Il flusso ascensionale è generato da 4 motori da 500 kW ciascuno pilotati da 4 Inverter Danfoss VLT HVAC Drive FC 102 che assicurano un preciso controllo della velocità di rotazione dei potenti ventilatori di spinta.
La velocità dell’aria è controllata in un range che parte dai 180 Km/h per il volo di una persona in posizione orizzontale, fino ad una velocità massima di 300 Km/h per il volo a testa in giù e per l’esecuzione di figure acrobatiche, soddisfando sia le esigenze dei principianti che quelle dei professionisti. 

Un paracadutista che si lancia da un aereo ha mediamente meno di un minuto in caduta libera per provare le figure di volo, presso il Fly Experience è possibile esercitarsi per diversi minuti consecutivi in totale sicurezza. 

Vengono inoltre meno i tempi tecnici che intercorrono tra più lanci e la forte dipendenza dalle condizioni metereologiche. 

Bassa distorsione armonica, massima efficienza energetica 

L’impianto sorge nelle immediate prossimità di un importante centro commerciale, per questo motivo uno dei requisiti tecnici fondamentali era quello di minimizzare il più possibile la distorsione armonica generata dagli azionamenti senza rinunciare alla massima efficienza energetica

2mw_danfoss02.jpg

La soluzione realizzata da Danfoss è stata quella di utilizzare 4 inverter VLT FC 102 standard da 500 kW che garantiscono il ragguardevole rendimento del 98% e di installare a monte dei due trasformatori (uno per ciascuna coppia di inverter) due filtri attivi Danfoss VLT AAF 006 (foto a sinistra) da 400 A preposti alla mitigazione della corrente distorta assorbita dagli azionamenti stessi. 

Questa soluzione si è rivelata non solo soddisfacente dal punto di vista del valore di THD di tensione ottenuto al secondario dei trasformatori, ma anche decisamente più efficiente se comparata all’alternativa originariamente ipotizzata dal cliente che prevedeva l’utilizzo di 4 inverter Low Harmonics basati su tecnologia AFE. 

Difatti quest’ultima soluzione avrebbe comportato l’adozione di 4 unità aventi una dissipazione a pieno carico di 22 kW ciascuno per un totale di 88 kW, ovvero un consumo di 25.352 W in più rispetto alla soluzione attuale. 

2mw_danfoss03.jpg

Ipotizzando un utilizzo medio di 4.000 ore all’anno per un costo dell’energia pari a 0,106€ al kWh, ciò si traduce per l’utente finale in un risparmio annuo complessivo di circa 10.000 € e una mancata emissione in atmosfera di circa 41500 Kg di CO2

2mw_danfoss04.jpg

La sicurezza prima di tutto 

Una delle problematiche che sono state affrontate è stata quella di dover garantire l’incolumità delle persone presenti nella camera di volo nel caso in cui dovesse venire a mancare la rete d’alimentazione. 

Difatti un arresto incontrollato per inerzia dei ventilatori comporterebbe ad una perdita repentina di spinta ascensionale che in taluni casi potrebbe compromettere le aspettative di massima sicurezza dell’impianto

2mw_danfoss06.jpg

Per ovviare a questa eventualità si è provveduto ad attivare su tutti gli inverter la funzione di “Kinetic Backup” che in caso di mancanza rete utilizza l’energia cinetica dovuta all’inerzia dei ventilatori al fine di mantenere “vivi” gli azionamenti stessi per poter gestire una rampa di discesa controllata. 

Nel caso di black out gli inverter continuano pertanto ad essere pienamente operativi garantendo una graduale diminuzione del flusso di spinta a salvaguardia delle persone occupanti l’impianto. 

Tale funzionalità sopperisce inoltre in maniera efficace ad eventuali buchi di rete temporanei preservando gli azionamenti da possibili condizioni di allarme che comporterebbero ad un blocco operativo, seppur momentaneo, dell’intera struttura. 

Scopri di più su www.danfoss.it/VLT-Drives 

2mw_danfoss07.jpg