Adeguamento antincendio scuole: arrivano 114 milioni di euro per più di 2.000 edifici! La tabella di riparto

Scuole: il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato un decreto che stanzia 114 milioni di euro per l’adeguamento alla normativa antincendio di 2.267 edifici scolastici

Antincendio scuole: la tabella di riparto di 114 milioni di euro

Arrivano risorse fresche per l’adeguamento alla normativa antincendio di oltre 2.000 scuole: è ufficiale infatti la firma apposta dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, a uno speciale decreto che stanzia 114 milioni di euro per l’adeguamento alla normativa antincendio di 2.267 edifici scolastici.

Con queste risorse avviamo per la prima volta uno specifico Piano per l’antincendio, dando alle comunità scolastiche risposte attese da anni - ha detto Bussetti in merito - La sicurezza dei nostri istituti e quindi dei nostri ragazzi passa anche da questo. Non possiamo tralasciare alcun aspetto. Questo stanziamento conferma ancora una volta la grande attenzione di questo Governo all’edilizia scolastica. I 114 milioni costituiscono una prima tranche di fondi attraverso i quali ottenere la certificazione antincendio, ai quali seguiranno altri investimenti. Lavoreremo, inoltre, con gli enti locali per portare avanti questo impegno”.  

Gli enti locali che beneficeranno di queste risorse avranno 12 mesi di tempo per aggiudicare i lavori di adeguamento alla normativa antincendio e potranno richiedere subito, all’atto del finanziamento, l’anticipazione del 20% dei fondi.

Ricordiamo, in materia di adeguamento antincendio degli edifici scolastici, che ancora non è stata ufficializzata alcuna proroga in quanto il Decreto Semplificazioni, di recente convertito nella legge 12/2019, non ha visto approvare l'emendamento iniziale che disponeva la proroga per l'adeguamento della normativa antincendio di scuole e asili nido rispettivamente al 31 dicembre 2021 e al 31 dicembre 2019. 

Allo stato attuale delle cose, quindi, le norme prevedono che dal 1° gennaio 2019 tutte le scuole "dovrebbero" essere dotate del Certificato Prevenzione Incendi (che dal 2011 è diventato Segnalazione Certificata Inizio Attività - SCIA antincendio) e rispettare le disposizioni delle "Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica" previste da un decreto del 1992, o, in alternativa, delle "Norme tecniche di prevenzione incendi per le attività scolastiche" (decreto Ministero dell'Interno del 7 agosto 2017). 

La sensazione è che le proroghe arriveranno in un decreto ad hoc, visto che, per bocca dello stesso Bussetti, "metà degli istituti scolastici non hanno documenti di valutazione dei rischi, altri mancano dei certificati antincendio".

Secondo l’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica realizzata dal ministero dell’Istruzione, infine, il 58% delle scuole non rispetta le norme antincendio e il 53% non è in regola sotto il profilo dell’agibilità. Il Miur ha inoltre rilevato che oltre il 70% delle scuole è in possesso del documento di valutazione del rischio (72%) e di un Piano di emergenza (73%). Il 39% è in possesso del certificato di agibilità/abitabilità.

Non solo: anche i dati dell’ultimo rapporto di Cittadinanza Attiva sullo stato delle scuole è abbastanza negativo, se sul campione di edifici preso in esame, solo un quarto delle scuole ha l’agibilità/abitabilità, poco più della metà (53%) il collaudo, un terzo è in possesso della certificazione di prevenzione incendi, poco più (36%) di quella igienico-sanitaria

La tabella con il riparto delle risorse tra le Regioni che hanno individuato gli interventi prioritari da finanziare è disponibile in formato pdf