Adeguamento sismico di un edificio industriale e di interesse storico-artistico mediante controventi eccentrici a “Y”

La tematica della preservazione del patrimonio storico-artistico delle costruzioni esistenti ha un’importanza crescente soprattutto nei paesi come l’Italia, ricchi di costruzioni da tutelare. A questa categoria di edifici appartiene anche la categoria dei fabbricati classificati come archeologia
industriale [1]. Nella maggior parte dei casi questi edifici sono stati progettati considerando esclusivamente azioni statiche, quindi non hanno sufficiente resistenza e duttilità per sopportare le azioni sismiche. In questo lavoro di tesi viene studiato l’impiego di una tecnica innovativa per adeguare sismicamente un edificio a telaio in calcestruzzo armato classificato come archeologia industriale e per questo soggetto a tutela storico artistica. Il metodo adottato si basa sull’impiego dei controventi eccentrici ad “Y” in acciaio.

Tesi premiata nell’ambito del concorso “Premi per tesi di laurea ed. ‘11/’12” promosso da Acai (Associazione fra i Costruttori in Acciaio Italiani)/rivista “Costruzioni Metalliche”, C.T.A. (Collegio dei Tecnici dell’Acciaio), Fondazione Ingegneri Padova.

Articolo tratto da Costruzioni Metalliche n. 2 - 2013