Progetti sottoposti a esame e parere del CSLP: linee guida per la presentazione

L'Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei lavori Pubblici ha espresso avviso favorevole sul testo delle “Linee Guida per la presentazione dei progetti per l’esame e parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici”

progettazione1.jpg

Con Parere n.54/2019, espresso nell’adunanza del 25 ottobre 2019, l’Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei lavori Pubblici ha espresso avviso favorevole sul testo delle “Linee Guida per la presentazione dei progetti per l’esame e parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici”.

 

In aderenza con il Codice dei contratti pubblici nonché con gli obiettivi primari della più recente Legge n.55/2019 (c.d. “Sblocca Cantieri”), di conversione del D.L. 32/2019, avente, come noto, per oggetto “disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici”, lo scopo delle Linee Guida è quello di fornire uno strumento utile per la corretta redazione e presentazione, da parte delle Amministrazioni proponenti, dei progetti per i quali è previsto, per legge, l’esame e il parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, in modo tale da consentire anche un più agevole esame dei progetti stessi rispettando la tempistica stabilita dalla legge per l’espressione del citato parere.

Lavori pubblici superiori ai 50 milioni di euro

Ricordiamo che l'art. 215 del Codice al comma 3 ha previsto il parere obbligatorio del CSLP entro 90 giorni dalla trasmissione (45 giorni fino al 31 dicembre 2020 così come previsto dallo Sblocca Cantieri) sui progetti definitivi di lavori pubblici di competenza statale, o comunque finanziati per almeno il 50% dallo Stato, di importo superiore ai 50 milioni di euro (75 milioni fino al 31 dicembre 2020 così come previsto dallo Sblocca Cantieri), nonché parere sui progetti delle altre stazioni appaltanti che siano pubbliche amministrazioni, sempre superiori a tale importo, ove esse ne facciano richiesta.

Lavori pubblici inferiori ai 50 milioni di euro

Per i lavori pubblici di importo inferiore a 50 milioni di euro (75 milioni fino al 31/12/2020), le competenze del Consiglio superiore sono esercitate dai comitati tecnici amministrativi presso i Provveditorati interregionali per le opere pubbliche.

Qualora il lavoro pubblico di importo inferiore a 50 milioni di euro (75 milioni fino al 31/12/2020), presenti elementi di particolare rilevanza e complessità il provveditore sottopone il progetto, con motivata relazione illustrativa, al parere del Consiglio superiore.

LE LINEE GUIDA SONO DISPONIBILI NELL'ALLEGATO PDF