Il processo di saldatura nella realizzazione di strutture metalliche di carpenteria

La Direttiva CPD, il Regolamento CPR, il DM 14 gennaio 2008 e la norma armonizzata EN 1090.

Il Regolamento Europeo 305/201 (CPR), che ha sostituito dal 1 luglio 2013, la direttiva 89/106/CEE “Construction Product Directive” (CPD), differisce dalle direttive del nuovo approccio in quanto i requisiti base da essa fissati non riguardano i prodotti da costruzione ma le opere in cui essi devono essere incorporati in modo permanente.
Il Regolamento Europeo 305/2011 “Construction Product Regulation” (CPR), che ha introdotto i principi relativi alla Dichiarazione di prestazione dei prodotti immessi sul mercato; tale Regolamento non ha necessità di recepimento da parte degli Stati Membri, e pertanto è diventato esecutivo all’atto della sua pubblicazione.
Inoltre, nel 2011 è stata pubblicata sulla GUCE la norma armonizzata EN 1090 relativa alla realizzazione di strutture e componenti strutturali metallici prefabbricati, nella quale vengono anche definite le regole tecniche per la gestione di tutto il processo di fabbricazione mediante saldatura.
Questo nuovo quadro normativo deve essere gestito in modo compatibile con i requisiti stabiliti dal D.M. del 14/01/2008 “Testo Unico per le Costruzioni”.


Articolo tratto dalla Rivista Italiana della Saldatura - n. 4 - Luglio / Agosto 2013, pp. 573-577

Scarica l'articolo completo in formato pdf