La messa in sicurezza sismica di un edificio storico in c.a. con pareti di taglio temporanee - P2

L’intervento di adeguamento sismico di edifici esistenti pone sempre problematiche che richiedono soluzioni pensate per la specifica situazione. Viene illustrato il caso della soluzione adottata per la messa in sicurezza sismica di un edificio industriale in c.a. realizzato a Schio in provincia di Vicenza. La struttura fu costruita nel 1907 con una tecnologia all’avanguardia per l’epoca, essendo composta da telai in c.a. con copertura a shed, realizzati con sistema brevettato Hennebique. L’adeguamento sismico su di un edificio esistente è spesso un obiettivo ambizioso che in questo caso è apparso raggiungibile realizzando le partizioni interne con pareti in c.a. La realizzazione di elementi sismo-resistenti di maggiore rigidezza fa si che l’azione sismica sia assorbita in modo prevalente da quest’ultimi. Avendo peraltro chiaro l’obiettivo di preservare l’integrità della struttura originaria, senza modificarne il funzionamento statico, si è previsto un accoppiamento con shock transmitters delle pareti in c.a. In questo modo si è ottenuto un funzionamento delle pareti di taglio solo in presenza di azione sismica mentre è stato conservato l’originario funzionamento della struttura per azioni ordinarie.

Per scaricare il contenuto integrale è necessario essere Socio Anidis, scopri come associarti