Superbonus 110%: le FAQ sugli interventi antisismici e il Sismabonus potenziato

Continuando il nostro 'tour' tra le interessantissime e preziosissime FAQ dell'Agenzia delle Entrate sul Superbonus 110% del DL Rilancio, mettiamo insieme tutte le risposte inerenti il Sismabonus maggiorato per gli interventi antisismici

terremoto-ricostruzione-700.jpg

Gli adempimenti da rispettare per il Sismabonus 110

Per gli interventi antisismici, i professionisti incaricati della progettazione strutturale, della direzione degli interventi delle strutture e del collaudo statico, iscritti agli ordini o ai collegi professionali di appartenenza, dovranno asseverare l’efficacia degli interventi al fine della riduzione del rischio sismico.

Inoltre, nel caso in cui si eserciti l’opzione della cessione o dello sconto in fattura, il beneficiario dovrà anche ottenere il visto di conformità sui presupposti che danno diritto alla detrazione fiscale. Il visto di conformità è rilasciato dai professionisti abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) o dai responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF.

Unità immobiliari no limits

Non ci sono limiti al numero di unità immobiliari sulle quali è possibile effettuare gli interventi ai fini del Sismabonus. Gli interventi antisismici possono essere effettuati su tutte le unità abitative, anche in numero superiore alle due unità. L’unico requisito è che esse si trovino nelle zone sismiche 1, 2 e 3.

La suddivisione dei comuni italiani per rischio sismico è consultabile qui.

Demolizione e ricostruzione

Rientrano nel Superbonus anche gli interventi di demolizione e ricostruzione dell’edificio di cui al comma 1 lettera d) dell’art.3 del dpr 380/2001.

Le attestazioni e le asseverazioni

I professionisti che rilasciano attestazioni e asseverazioni relative al Superbonus devono rispettare obblighi specifici, ovvero dotarsi di una polizza di assicurazione della responsabilità civile con massimale non inferiore a 500 mila euro, e comunque commisurata agli interventi da asseverare, al fine di garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su