Edilizia e Sostenibilità: cemento "green" grazie all'innovativa tecnologia degli additivi ICARE di Chryso

18/08/2020 1045

Chryso, gruppo francese da più di 70 anni leader per gli additivi nell’edilizia, ha implementato la tecnologia ICARE per diminuire i costi di produzione ed il fabbisogno energetico nella produzione del cemento, favorendo al contempo una netta riduzione delle emissioni di C02. Un modo per supportare le aziende produttrici di cemento nel raggiungimento dei loro obbiettivi e prestare attenzione al mondo “green” delle costruzioni.

chryso-italia_edilizia_additivi-cemento.jpg

Una soluzione per affrontare le sfide tecniche e ambientali dell'industria del cemento

Affrontare le più grandi sfide tecniche e ambientali dell’industria del cemento, ponendo particolare attenzione al futuro della sostenibilità ambientale e del mondo “green”.

Questi gli obbiettivi che hanno spinto Chryso, gruppo francese da più di 70 anni leader per gli additivi nell’edilizia, a implementare nel portfolio la tecnologia innovativa ICARE, sviluppata dai suoi ricercatori per aumentare la reattività del cemento, creando un effetto sinergico tra attivazione chimica e meccanica con l’obiettivo finale di aumentare le resistenze a compressione dei cementi a breve e lunga stagionatura.

Indipendentemente dal tipo di molino e di impianto, grazie ad un miglior controllo nelle operazioni di trasporto del cemento durante le diverse fasi del processo, la tecnologia può superare i potenziali “colli di bottiglia” che derivano da limiti intrinseci delle apparecchiature, agevolando in modo concreto le aziende a produrre cemento di alta qualità e riducendo al contempo i costi di produzione.

Grazie alla tecnologia ICARE, l’aumento delle resistenze a compressione può essere convertito in una diminuzione dei punti clinker a favore di altri costituenti più ecosostenibili, garantendo una netta diminuzione dei costi energetici e di emissioni di CO2.

L’attenzione all’innovazione rappresenta una parte integrante del nostro DNA ed è per questo che abbiamo deciso di concentrarci sul tema sempre più attuale della sostenibilità nell’ambito delle costruzioni, implementando questa tecnologia disruptive – ha spiegato Paolo Novello, CEO di Chryso ItaliaICARE è stata ideata per supportare i produttori di cemento nel raggiungimento dei loro obiettivi e collaborare con loro nell'implementazione degli ultimi progressi in materia di  incremento delle resistenze meccaniche. Attraverso questa tecnologia il Gruppo continuerà ad aiutare le imprese nei loro incessanti sforzi di ridurre le emissioni di CO2 e i costi di produzione”. 

2 nuove gamme di incrementatori di resistenze con Tecnologia Chryso ICARE

La tecnologia Chryso ICARE è disponibile in due nuove gamme di incrementatori di resistenze studiati per superare specifici limiti di processo:

  • Chryso ICARE VRM (Vertical Roller Mill, destinato ai molini verticali ed Horomill)
  • Chryso ICARE CP (Challenges Process, destinato ai molini a sfere).

Nel primo caso, gli additivi garantiscono una migliore stabilità nel processo di macinazione con effetti positivi sulla qualità dei cementi ed incrementi delle resistenze a tutte le stagionature.

Nel secondo caso, invece, gli additivi superano i limiti di alcune apparecchiature/parti del processo di macinazione e massimizzano il potenziale di attivazione del cemento, garantendo una migliore distribuzione granulometrica del materiale.

Il miglioramento del controllo nelle operazioni di trasporto del cemento, consente all'impianto di mantenere un'elevata produttività riducendo al contempo i costi di manutenzione.

>>> Visita il sito di Chryso Italia

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su