Le soluzioni di Baxi per accedere alle detrazioni tramite sconto in fattura e cessione del credito

17/11/2020 2809

Con le detrazioni fiscali fino al 65% (Ecobonus) e il Superbonus 110%, lo Stato italiano si propone di incentivare la rivoluzione green, un percorso già intrapreso da Baxi da lungo tempo e ormai divenuto parte del suo stesso DNA.

Come sempre, infatti, quando si parla di benessere unito al rispetto per l’ambiente, Baxi si pone in prima linea e accetta la sfida. 

Per questo, Baxi, non solo ha previsto lo sconto in fattura con cessione del credito, ma anche ha stilato una dettagliata guida che spiega come usufruire dei benefici fiscali e ha delineato le ipotesi applicative e i prodotti coinvolti.

 

baxi-locandina-bonus-casa.jpg

Baxi e lo sconto in fattura su interventi di riqualificazione energetica con detrazioni fiscali fino al 65%

Dalle parole ai fatti: acquistando un nuovo sistema di climatizzazione invernale Baxi, l’utente finale avrà scontato immediatamente il 65% in fattura grazie alla cessione del credito.

Sono interessati dall’aliquota 65% gli interventi di:

  • riduzione del fabbisogno termico dell’edificio;
  • gli interventi alle parti comuni degli edifici commerciali/residenziali;
  • gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore;
  • l’installazione di caldaie a condensazione in classe A con termoregolazione evoluta;
  • l’installazione di pannelli solari o di scaldacqua a pompa di calore;
  • l’acquisto e posa in opera di schermature solari (fino ad un valore massimo della detrazione di € 60.000)
  • l’acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti (fino a valore massimo della detrazione di 100.000 euro);
  • i sistemi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
  • l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione. 

Il massimo comfort ambientale oggi costa la metà

Grazie all’aliquota del 50%, con Baxi il massimo comfort ambientale oggi è un’impresa alla portata di tutti.

La detrazione del 50% direttamente in fattura è prevista per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A.

È applicabile inoltre sull’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (fino ad un valore massimo della detrazione di 30.000 euro), sulle schermature solari e, infine, sull’acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi

 

Superbonus 110%: un’occasione per dotarsi di impianti efficienti e innovativi a costo quasi zero

Il recente Decreto Rilancio porta infine al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 e ridotto il periodo di rateizzazione a soli 5 anni (anziché 10), per specifici interventi di efficienza energetica, oltre ad altri interventi.

Rientrano tra questi gli interventi di isolamento termico degli involucri edilizi e gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione su parti comuni degli edifici commerciali/condominiali.

In quest'ultimo caso sono inclusi, ad esempio, l’installazione di collettori o la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati destinati al riscaldamento/raffrescamento e alla produzione di acqua calda sanitaria dotati di generatori di calore a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A, oppure la sostituzione degli impianti esistenti con generatori in pompa di calore ad alta efficienza, anche con sonde geotermiche o la sostituzione dell’esistente con apparecchi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione o con sistemi di microcogenerazione che conducano a un risparmio di energia primaria pari almeno al 20 per cento.

Nel caso di interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale su edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti (dotate di uno o più accessi autonomi dall’esterno), si tratta dei medesimi interventi agevolabili se realizzati sulle parti comuni con l’aggiunta, esclusivamente per le aree non metanizzate, dell’installazione delle caldaie a biomassa aventi prestazioni emissive con valori previsti almeno per la classe di qualità 5 stelle. La detrazione spetta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

«Grazie al Decreto Rilancio – afferma Paolo Bussolotto, Direttore Commerciale Italia di Baxi S.p.A. – abbiamo l’opportunità di offrire ai nostri partner un valido strumento per proporre alla propria clientela soluzioni innovative che garantiscano il miglior comfort per la loro casa ad una condizione economica vantaggiosa».

 

Come conoscere gli adempimenti per accedere ai benefici?

Per aiutare gli utenti a districarsi senza spiacevoli imprevisti nel complesso mondo delle normative e dei requisiti di accesso agli incentivi, Baxi ha stilato una dettagliata guida (consultabile sul sito Baxi alle pagine dedicate agli incentivi fiscali), un vademecum in cui viene spiegato in termini chiari il processo che permette di usufruire dei benefici fiscali (interventi, chi vi può accedere, massima detrazione ecc.). 

Con la gamma Baxi gli incentivi sono a portata di mano

Baxi offre un'ampia gamma di prodotti che consentono di usufruire degli Ecobonus e del Superbonus: caldaie a condensazione in classe A con termoregolazione evoluta, pompe di calore, sistemi ibridi e solare termico. 

Le caldaie a condensazione di Baxi

La sua gamma di caldaie a condensazione in classe A, ad esempio, è ampia e articolata (murali, murali con accumulo, murali da esterno, terra e bollitori). Spiccano le gamme Luna Platinum+ e Luna Duo-tec E, caratterizzate da un’altissima modulazione (minori accensioni/spegnimenti e conseguente miglioramento dell’efficienza e notevole risparmio), da sistema GAC (per il controllo automatico della combustione) e da remotabilità. 

La gamma di pompe di calore

Altrettanto ampia è la gamma di pompe di calore aria-acqua Baxi, ora ancora più versatili e potenti: dalle pompe di calore splittate inverter PBS-i WH2 e PBS-i FS2 (disponibile anche nella versione compatta Slim), caratterizzate da un’elevatissima efficienza di funzionamento alle silenziose pompe di calore monoblocco inverter Auriga, dalle eccellenti prestazioni in raffrescamento, fino alle pompe di calore monoblocco PBM e PBM-i che, nate come risposta alle richieste del mercato condominiale centralizzato e commerciale, possono trasformarsi in una centrale termofrigorifera di alta potenza combinando fino a 4 unità in cascata e gestendo eventuali caldaie integrative.

I sistemi ibridi integrati per migliorare l'efficienza energetica degli edifici

Niente è più efficace di un sistema ibrido integrato Baxi per elevare l’efficienza energetica di un edificio. Grazie alla sua gamma completa di sistemi compatti e a incasso in pompa di calore con integrazione a caldaia a condensazione, o a incasso in pompa di calore con integrazione solo elettrica, gli ibridi Baxi offrono il massimo comfort e affidabilità, rendimento in energia primaria elevatissimo e flessibilità di installazione senza pari.

Oltre ad essere specialista nella produzione di sistemi di climatizzazione invernale ed estiva, Baxi è molto attenta nel proporre sempre nuove soluzioni che garantiscano il massimo comfort nel pieno rispetto dell’ambiente: i suoi collettori solari sono ideali per essere abbinati alla vasta gamma di prodotti Baxi e realizzare sistemi integrati ad alta efficienza energetica. 

>>> La gamma completa è consultabile sul sito di Baxi <<<

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su