Anno bianco post Covid-19: ecco l'esonero contributivo INARCASSA/INAIL per i professionisti

Esonero contributivo per i professionisti: firmato il decreto del Ministero del Lavoro con scadenze e procedure per la presentazione delle domande.

Il provvedimento, che sta per essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale (non è ancora in vigore), contiene le 'istruzioni' precise, le regole e i requisiti che professionisti e lavoratori autonomi, colpiti dall’emergenza Covid-19, devono rispettare per ottenere l’esonero contributivo.


Esonero contributivo dei professionisti colpiti dalla pandemia: chi può fare domanda

Il decreto, disponibile in allegato, specifica che possono fare domanda i professionisti o lavoratori autonomi che al 1° gennaio 2021 (data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2021 istitutiva del Fondo) posseggano i seguenti requisiti:

  • lavoratori iscritti alle gestioni separate dell’AGO;
  • professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza previste dal d.lgs 509/1994 relativamente alla contribuzione previdenziale dovuta per il 2021, da versare con rate o acconti in scadenza nello stesso anno;
  • medici, infermieri e altri professionisti o operatori con incarichi di lavoro autonomo o collaborazione coordinata e continuativa.

Professionisti tecnici: chi può fare domanda?

Le prime due categorie, dove rientrano anche i tecnici, hanno diritto all'anno bianco se:

  • hanno percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro;
  • hanno subìto un calo del fatturato o dei corrispettivi nel 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019;
  • non sono titolari di un rapporto di lavoro dipendente o di una pensione diretta.

NB - per ottenere l'esonero, si deve essere in regola col pagamento delle tasse e si deve pagare integralmente la quota di contribuzione obbligatoria non coperta dall'esonero.

 

Anno bianco post Covid-19, ci siamo: arriva l'esonero contributivo per i professionisti!


Le cifre dell'esonero contributivo

Al massimo si potranno 'risparmiare' 3.000 euro all'anno (diviso su base mensile).

Per gli iscritti alla gestione separata INPS, le domande devono essere presentate entro il 31 luglio 2021, seguendo lo schema predisposto dall'Inps, e corredate da una dichiarazione attestante il rispetto di tutti i requisiti previsti. 

Ai professionisti iscritti agli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria - quindi anche architetti e ingegneri - è destinata una quota del Fondo pari ad un miliardo di euro. L’esonero riguarda i contributi previdenziali complessivi di competenza dell’anno 2021, in scadenza entro il 31 dicembre 2021, con esclusione dei contributi integrativi. Le domande devono essere presentate entro il 31 ottobre 2021, seguendo lo schema predisposto dai singoli enti previdenziali.

IL DECRETO ATTUATIVO (BOZZA NON ANCORA IN VIGORE) E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE