Il progetto SAFEng per la protezione antincendio di musei, archivi storici, biblioteche ed edifici monumentali

Il progetto SAFEng - Patrimonio Culturale nasce per sviluppare nuove tecnologie antincendio per proteggere edifici monumentali, musei, biblioteche e archivi storici.

Frutto della collaborazione tra Tema Sistemi, azienda promotrice del progetto, Firtech e l’Università degli Studi di Ferrara, il progetto promuove la ricerca scientifica per studiare brevetti, nuove tecnologie ma anche metodologie funzionali alla salvaguardia dagli incendi del patrimonio culturale italiano.

Grazie a un accordo di programma siglato lo scorso marzo, l'iniziativa oggi coinvolge anche il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e Ferrara Fiera Congressi.

Tra i siti in cui sarà avviata la fase sperimentale vi è anche la Reggia di Caserta e il Palazzo Ducale di Mantova.

 

SAFEng: allo studio nuove tecnologie per la prevenzione incendi 

Il progetto di ricerca ha l'obiettivo di studiare e sviluppare nuovi sistemi per la protezione antincendio di opere irriproducibili e dal valore inestimabile, soluzioni che utilizzino agenti estinguenti naturali, sostenibili e che siano in grado di assicurare la protezione dai pericoli del fuoco anche per la movimentazione del patrimonio culturale connessa a percorsi di fruizione come grandi mostre e per le attività di restauro.

L'iniziativa si basa su un percorso ricco di sinergie tra il mondo della cultura, della ricerca, delle imprese e delle istituzioni: quattro assi che diventano un unico pilastro fondante di un progetto ambizioso per la cultura e la storia del Paese.

SAFEng Patrimonio Culturale infatti coinvolge:

  • Firtech: startup innovativa, nata da un ramo di Tema Sistemi, azienda specializzata da oltre 30 anni nella progettazione e produzione di sistemi antincendio certificati e socia di GBC italia;
  • L'Università degli Studi di Ferrara: che partecipa al progetto per il trasferimento tecnologico al sistema industriale di nuove metodologie, apparati e materiali innovativi;
  • Il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco: che ha il compito di supervisionare la ricerca e ne assevera i risultati in qualità di ente super partes, gestendo il lato normazione e formazione.
  • Ferrara Fiere Congressi: che contribuisce al progetto con la sua specializzazione nel mondo dei beni culturali, dei rischi e del restauro.

Cos'è il progetto SAFENG per la sicurezza antincendio

 

Come proteggere bene il nostro patrimonio culturale dagli incendi?

Il patrimonio Culturale Italiano è composto da 4.980 Musei o similari aperti al pubblico (dati ISTAT 2018) di cui 282 aree archeologiche e 537 complessi monumentali. Inoltre sono 110.000 i beni immobili di valore culturale, abbandonati o non utilizzati, classificati nella Carta del rischio del patrimonio Culturale 2012 dal MIBACT. Oltre a ciò vi sono 37.000 luoghi sotto tutela ambientale e culturale, privati (dati FAI, Fondo ambiente italiano 2020).

Per proteggere dal rischio incendi un patrimonio così immenso è nato il progetto SAFEng Patrimonio Culturale, che ha scelto quattro città simbolo per promuovere l'innovazione tecnologica:

  • Taranto: è la sede legale e operativa ed è dotata di campi prova dove vengono effettuati test in scala reale per simulare gli incendi nei contesti da tutelare;
  • Ferrara: è la sede scientifica del polo, grazie agli accordi siglati con l'Università;
  • Ravenna: è la sede dei laboratori di ricerca applicata in collaborazione con l'Università di Ferrara;
  • Roma: è la sede di rappresentanza istituzionale e comunicazione.

«Il valore aggiunto di questo progetto risiede nel fatto che non si punta più a proteggere solo l'uomo, ma si punta a trovare soluzioni antincendio che salvaguardino anche l'edificio e i beni che vi si trovano all'interno - ha detto Fabrizio Cola, Coordinatore del Progetto SAFeng Patrimonio Culturale e presidente della startup Firtech - il nostro Patrimonio ha un valore inestimabile e non possiamo correre il rischio di perderlo, anche dal punto di vista economico. Per questo il progetto punta a studiare e sviluppare sistemi tecnologicamente innovativi. Cominceremo la fase sperimentale già durante il mese di giugno per poi finire entro settembre e iniziare il lavoro scientifico e tecnico di laboratorio».

 

Cos'è SAFEng Patrimonio Culturale: l'intervista a Fabrizio Cola, Coordinatore del progetto

 

Musei e biblioteche: i sette luoghi della cultura individuati per la fase sperimentale

Oggi grazie anche alla collaborazione con il Ministero della Cultura cominciano a muoversi i primi passi di questo importante progetto.

«Le norme offrono strumenti e procedure che necessitano di verifiche di metodi e sistemi attraverso sperimentazioni concrete che possono avvalersi anche di ricerche sul campo e dell’utilizzo di nuove tecnologie - ha detto Marica Mercalli, Direttore Generale Sicurezza del Patrimonio Culturale del Ministero della Cultura durante l'evento online di presentazione del progetto - tra i fattori di rischio che minacciano il nostro patrimonio culturale, il rischio incendio è quello che più fa riflettere vista la particolare vulnerabilità dei nostri beni, mobili e immobili, anche perché ogni volta che si parla di sistemi antincendio nei luoghi della cultura, bisogna tenere conto di tutti gli aspetti di tutela degli immobili storici».

Ma a che punto siamo con il progetto?

A oggi, come annunciato da Caterina Rubino, Direttore Generale Sicurezza del Patrimonio Culturale e coordinatore Area Tecnica, sono stati individuati sette siti di interesse culturale su cui avviare le sperimentazioni, tra cui due musei e sette biblioteche.

  1. La Reggia di Caserta;
  2. Il Palazzo Ducale di Mantova;
  3. La biblioteca universitaria di Cagliari;
  4. La biblioteca Marucelliana di Firenze;
  5. La biblioteca statale Isontina di Gorizia;
  6. La biblioteca universitaria Alessandrina di Roma;
  7. La biblioteca statale annessa al Monumento Nazionale di Santa Scolastica a Subiaco.

Ovviamente, il percorso di ricerca non potrà prescindere dalla conoscenza dei beni da salvaguardare.

«L’Università di Ferrara studierà sistemi per la salvaguardia e la riduzione dei fattori di rischio, ma avrà il compito anche di incrementare la conoscenza storica e conservativa del patrimonio - ha detto Carmela Vaccaro, delegata dal Rettore dell’Università di Ferrara - questa è un’occasione per applicare le nuove soluzioni digitali ma anche per conoscere e far conoscere il nostro Patrimonio, abbinando a questo percorso, tutela e prevenzione».

 

SAFEng: studiare soluzioni antincendio innovative. L'intervista al Prof. Stefano Piva, Coordinatore Scientifico del progetto

 

Il protocollo GBC Historic Building

La tutela degli edifici storici è un tema caro anche a GBC Italia ed è al centro delle numerose attività che porta avanti l’Associazione presieduta dall’Ing. Marco Mari.

«Il nostro territorio ha delle eccellenze incredibili ed è importante sottolineare tre parole chiave: prevenzione, emergenza e ricostruzione dove il peso che dobbiamo dare è legato al tema prevenzione - ha commentato il presidente Mari intervenendo all'evento di presentazione - prevedere metodi che siano pre-ingegnerizzati, perché la corretta gestione dell’emergenza non può che vedere l’applicazione non estemporanea delle migliori prassi, delle migliori culture, delle migliori conoscenze, strumenti e prodotti. SAFEng per noi è un banco di prova: un vero e proprio approccio olistico e questo è centrale quando si parla di sistemi complessi come i beni dal valore storico testimoniale».

«Tale approccio sistemico è il punto centrale: GBC Italia da sempre opera definendo e rendendo attivi gli strumenti che misurano la sostenibilità del sistema edificio e dell’ambiente costruito - ha aggiunto - la nostra community ha coniugato per la prima volta, a livello mondiale, un nuovo protocollo che si chiama GBC Historic Building e il primo elemento di questo protocollo è la valenza storica dell'edificio che ha a che vedere con la conoscenza dell'immobile. A ciò si aggiunge la corretta analisi, non solo delle forme del degrado dell’edificio, ma anche dei modi con i quali lo possiamo gestire, incluse le emergenze, come quelle causate da un incendio. I materiali a esempio, devono essere studiati appositamente per contrastare tale rischio e il protocollo GBC Historic Building tiene conto di questi aspetti».

 


 Rivedi l'evento di presentazione a questo LINK


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su