La Mixed Reality entra in cantiere: i vantaggi della conversione smart delle strutture

La Mixed reality entra in cantiere grazie a uno speciale caschetto dotato di visore che consente di svolgere attività di monitoraggio, verifiche di installazione, manutenzione, ispezione e molto altro ancora.

Si tratta di Trimble XR10 con HoloLens 2, un avanzato dispositivo in grado di fondere il mondo digitale con la realtà.

Ai microfoni di Ingenio, Davide Quadrozzi, BIM Coordinator di Bonifica s.p.a e Carmine Robbe, Direttore Divisione BIM Strutturale di Harpaceas, hanno spiegato quali sono i vantaggi derivanti dall'uso della Mixed Reality in cantiere abbinata all’utilizzo dei modelli BIM.

 

La connesione tra il luogo di lavoro e il mondo digitale

Trimble XR10 con HoloLens 2 è uno speciale elmetto in cui è stato installato un visore a realtà mista senza cavi. Il dispositivo ha un campo visivo di 43° e incorpora un sensore del rilevamento oculare e della mano per la calibrazione automatica e l’interazione facilitata con menu ed ologrammi. Grazie ai suoi cinque microfoni e una cuffia a conduzione ossea, chi lo indossa può comunicare chiaramente anche in ambienti molto rumorosi.

Progettato dalla multinazionale statunitense Trimble Inc. e rivenduto in Italia da Harpaceas, il dispositivo consente all'operatore in cantiere di individuare e risolvere eventuali problemi in tempi rapidi e allo stesso tempo di accedere a dati e informazioni difficilmente raggiungibili.

Una tecnologia che, come spiegato da Davide Quadrozzi, BIM Coordinator di Bonifica s.p.a. in occasione della quinta edizione del BIMSummit, agevola il processo di progettazione e realizzazione di un'opera.

«La Mixed Reality facilita il passaggio di informazioni, dati e parametri che la metodologia BIM prevede di inserire all'interno dei modelli - ha detto Quadrozzi a margine dell'evento organizzato da Harpaceas - consentendo di sovrapporre la realtà virtuale al mondo fisico e interrogare gli attributi che vengono visualizzati in scala reale direttamente in cantiere. Immaginiamo, ad esempio, una riunione svolta tra le figure principali di una qualunque maestranza che come base non ha un semplice foglio di carta bensì un ologramma visualizzabile da due o più persone che indossano il caschetto».

 

 

La realtà mista per un cantiere sempre più digitalizzato 

Carmine Robbe, Direttore Divisione BIM Strutturale di Harpaceas, ha poi spiegato quali sono i benefici derivanti dall’utilizzo dei modelli BIM tramite Trimble XR10 con HoloLens 2.

Grazie all'estensione Trimble Connect for HoloLens, è possibile sfruttare una piattaforma di collaborazione basata su Cloud che migliora il coordinamento dei modelli 3D costruibili e i dati associati.

Tutti gli operatori coinvolti, sia sul posto sia da remoto, possono così visualizzare i modelli BIM in modo efficace annotando idee e commenti in modo istantaneo.

«Utilizzando la realtà mista, Trimble Connect for HoloLens permette di massimizzare l'intero flusso di progettazione spingendo sempre più verso la digitalizzazione del cantiere» ha commentato Robbe.

 

 GUARDA LE ALTRE INTERVISTE AI PROTAGONISTI DEL BIM SUMMIT