Architetti e Ingegneri: il Centre de Design de UQAM di Montréal dedica un'antologica a Pier Luigi Nervi

Si intitola “Pier Luigi Nervi: maître concepteur/bâtisseur” l’esposizione che il Centre de Design de l’UQAM di Montréal dedica al grande ingegnere italiano.

La mostra, curata da Carlo Carbone e Réjean Legault con ComunicArch, resterà aperta fino al 6 febbraio 2022.


L'ingegneria e l'architettura in calcestruzzo di un grande maestro del XX secolo

Pier Luigi Nervi: maître concepteur/bâtisseur è il titolo della mostra che il Centre de Design de l’UQAM di Montréal dedica a Pier Luigi Nervi.

La mostra, curata da Carlo Carbone e Réjean Legault con ComunicArch, ha già aperto le sue porte al grande pubblico e sarà aperta fino al 6 febbraio 2022.

Pier Luigi Nervi fu definito dallo dallo storico dell'arte Nikolaus Pevsner come "Il più brillante artista del cemento armato del nostro tempo". 

Le sue opere architettoniche diffuse in tutto il mondo fanno parte di un periodo glorioso per l'architettura strutturale e sono un simbolo del successo dell'ingegneria italiana nel secondo dopoguerra.

 

pier-luigi-nervi-mostra-a-montreal.JPG

 

Una mostra che racconta in due parti le opere e analizza 5 progetti sperimentali

La prima parte della mostra è la mostra itinerante Pier Luigi Nervi - Art and Science of Buiding, curata da Cristiana Chiorino e presentata a San Gallo, Svizzera (2015), Buenos Aires, Argentina (2016), Perth, Australia (2017) e negli USA a Philadelphia (2016), Miami (2017) Bethheem (2018) e Norfolk  (2021).

La mostra esamina la lunga carriera dell'ingegnere, dagli anni venti fino agli anni settanta.

È il prodotto di un progetto di ricerca multidimensionale che ha riunito un ampio team di ricercatori con l'obiettivo di ripercorrere i vari contributi dell'opera di Nervi. Il risultato è un complesso affresco storico in cui le rivoluzionarie tecniche costruttive di Nervi sono strettamente legate all'Italia del dopoguerra e agli sviluppi sociali e politici internazionali, insieme all'esplorazione delle ricche relazioni culturali e scientifiche in cui Nervi si è evoluto.

 

La seconda parte della mostra è una presentazione ideata e curata da Carlo Carbone e Réjean Legault, professori dell'UQAM École de design e intitolata "Sistema Nervi".

Si concentra su cinque progetti sperimentali poco conosciuti che sono stati realizzati utilizzando tre elementi centrali del sistema di produzione di Nervi: il materiale, lo stampo e la ripetizione.

La combinazione di questi elementi ha portato all'invenzione di un materiale composito: il ferrocemento.

L'uso del ferrocemento aprì la strada allo sviluppo del tavellone - la cassaforma che fu alla base delle geniali conchiglie e cupole di Nervi - che rimane senza dubbio il contributo più significativo dell'ingegnere alla cultura costruttiva del cemento armato.

Riunendo fotografie storiche, modelli di studenti dell'UQAM e analisi dei cinque progetti di Nervi, questa presentazione sottolinea l'approccio atipico dell'ingegnere alla progettazione nella produzione dell'ambiente costruito.

 

>>> CLICCA QUI per maggiori informazioni sulla mostra <<<