SENTENZA TAR: competenza in URBANISTICA non solo degli ARCHITETTI

 L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Campobasso esprime soddisfazione per la sentenza di merito n. 267/2014 emessa dal Tar Molise ed inerente il ricorso n. 348/2013, promosso dallo stesso Ordine nei confronti del Comune di Larino, per l’annullamento di un Avviso Pubblico di selezione per il conferimento dell’incarico di “Responsabile del Servizio Urbanistico ed Ambiente” pubblicato a fine Agosto 2013 che prevedeva la possibilità di partecipazione ai soli laureati in architettura.

Sin dal momento della pubblicazione dell’Avviso Pubblico bandito dal Comune di Larino, eravamo fortemente convinti che lo stesso, vietando la possibilità di partecipazione ai laureati in ingegneria, fosse connotato da vizi di illegittimità – così dichiara il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Campobasso, Ing. Gaetano Oriente – Tant’ è che da subito è stata interessata l’amministrazione comunale di Larino nella persona del Sindaco Dott. Notarangelo e dell’allora Responsabile del Servizio Affari Generali Dott. Rosati, invitando con una nostra nota il ritiro dell’Avviso in regime di autotutela e la sua rimodulazione includendo tra i requisiti di accesso alla selezione anche la laurea in ingegneria. Purtroppo, nostro malgrado, da parte del Comune non è stata prestata la dovuta attenzione a quanto noi evidenziavamo con una modalità di intervento estremamente collaborativa e congeniale al nostro modo di operare da sempre. 
A quel punto l’unica strada da percorrere onde far valere ciò che per noi erano dei legittimi diritti ingiustamente travalicati, era adire la via giudiziaria nel rispetto di un’intera categoria professionale istituzionalmente da noi rappresentata.
L’aver cercato invano, preventivamente, la risoluzione delproblema, nasceva naturalmente da una nostra prerogativa di sempre, vale a dire il non voler essere mai causidici nei confronti di amministrazioni ed enti, ma sempre propositivi esinergicamente collaborativi. 
La nostra naturale connotazione istituzionale è per l’appuntoanche quella di ausilio, supporto, consulenza ad amministrazioni ed enti ed alle loro strutture tecniche/amministrative naturalmente nei settori di nostra stretta competenza. 
Mi auguro che per il futuro questo nostro corretto atteggiamento possa essere sempre valutato in termini positivi, nella consapevolezza del nostro perseguire l’interesse generale della collettività attraverso il rispetto di norme e regolamenti vigenti”.

Scarica la sentenza in pdf

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su