Quirinale: Miceli, Architetti a Mattarella “richiamo alla dignità ci fa sperare in un Paese più giusto”

Roma, 4 febbraio 2022. “Il nostro Paese, che guarda a Lei quale sicuro riferimento per tutti, deve e saprà trovare la strada per superare le gravi difficoltà che i cittadini, così come le Istituzioni, si trovano ad affrontare ogni giorno, grazie soprattutto al suo richiamo alla dignità “quale pietra angolare del nostro impegno” che ci fa sperare in una Italia più giusta dal punto di vista sociale, etico e culturale”.

É questo uno dei passaggi del messaggio inviato da Francesco Miceli, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con gli auguri di buon lavoro a nome degli oltre 154 mila professionisti italiani.

 

Francesco Miceli, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori

Francesco Miceli, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

 

Miceli (CNAPPC): “venga promosso un modo nuovo e più inclusivo di abitare per costruire il futuro delle nostre città”

Siamo anche certi – si legge ancora nel messaggio -  che da Lei giungeranno stimoli e suggerimenti perché possano essere varate iniziative volte a tutelare e proteggere l’immenso patrimonio storico e culturale del Paese, affinché  la bellezza architettonica delle nostre città, dei piccoli borghi, del paesaggio e dei territori, venga conservata e valorizzata, così come venga promosso un modo nuovo e più inclusivo di abitare per costruire il futuro delle nostre città”.

Come liberi professionisti – conclude -  siamo pronti a fare la nostra parte mettendo a disposizione le nostre competenze, la nostra creatività e la nostra capacità di interpretare i bisogni del Paese”.