Climatizzazione: mercato in ripresa nel 2021

I dati Assoclima sul mercato Italia della climatizzazione nel periodo ottobre-dicembre 2021 confermano il trend dei trimestri precedenti: una ripresa generale del settore e la costante crescita delle pompe di calore idroniche.


Climatizzazione: segno più per tutte le categorie, tranne i condizionatori trasferibili

L’ultima rilevazione trimestrale di Assoclima - associazione Costruttori sistemi di climatizzazione federata Anima Confindustria - per il 2021 non presenta sorprese e conferma la situazione vista nei mesi precedenti: tutte le categorie merceologiche analizzate mostrano segni di ripresa rispetto allo stesso periodo del 2020, con aumenti percentuali in alcuni casi a tre cifre. Unico settore in negativo è quello dei condizionatori trasferibili, che si ferma a -16,6% a volume e -13% a valore.

I dati più interessanti si registrano nel comparto centralizzato: per le apparecchiature idroniche condensate ad aria l’indagine di Assoclima rileva incrementi complessivi del 154% a volume e 97% a valore (raffrescamento + riscaldamento). Continua anche nel quarto trimestre la crescita delle pompe di calore idroniche: per i modelli con potenze inferiori a 17 kW, destinate in prevalenza al settore residenziale, il 2021 si chiude con aumenti del 187% a volume e 184% a valore. Trend positivo anche per le macchine a pompa di calore nelle fasce di potenza superiori (da 18 a 900 kW), con un incremento complessivo del 166% a volume e 118% a valore.

 

Climatizzazione: mercato in ripresa nel 2021

 

Meno eclatanti i dati relativi ai gruppi refrigeratori di liquido con condensazione ad acqua: l’indagine Assoclima rileva numeri in crescita sia per le pompe di calore reversibili e solo riscaldamento (+15% a volume e +8% a valore) sia per le versioni raffrescamento e riscaldamento (+13% a volume e + 19% a valore).

Confermato anche nell’ultimo trimestre dell’anno il trend registrato nei mesi precedenti per le centrali di trattamento aria, con un incremento del 12% a valore e un decremento del 2% a volume, e per i sistemi di ventilazione meccanica residenziale (+59% a volume e +47% a valore). In crescita i dati relativi a ventilconvettori di tipo standard, con e senza mantello, cassette e hi-wall, che chiudono il 2021 con +40% a volume e +48% a valore.

Dati positivi anche per il comparto dell’espansione diretta, con incrementali percentuali a due cifre per climatizzatori monosplit (+24% sia a volume che a valore), sistemi multisplit (+20% a volume e +29% a valore) e miniVRF e VRF (+26% a volume e +30% a valore). Guadagnano qualche punto percentuale rispetto allo stesso periodo del 2020 i condizionatori packaged e rooftop, che registrano a fine dicembre 2021 una crescita del 1% a volume e del 9% a valore.

Le rilevazioni trimestrali di Assoclima si riferiscono al solo mercato Italia.


Logo Anima Confindustria

CHI È ANIMA CONFINDUSTRIA

ANIMA Confindustria è l'organizzazione industriale di categoria che, all’interno di Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 220.400 addetti per un fatturato di 44,5 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 58,2% (dati Ufficio Studi Anima). I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: edilizia e infrastrutture, movimentazione e logistica, produzione alimentare, produzione di energia, produzione industriale, sicurezza e ambiente.