Edilizia: necessario adattarsi per contrastare aumento di costi ed incertezza

Londra torna ad essere la città con i costi di costruzione più alti al mondo. Milano e Roma perdono 6 posizioni nonostante una crescita del 10%. Nel 2021 l'edilizia in Italia si è ripresa molto meglio che in Francia e in Germania. Questi, ed altri, i dati che emergono dall'international construction cost Index 2022 di Arcadis.


In Italia ripresa trainata dal divario tra domanda e offerta

Londra è prima di 100 città, seguita da Ginevra e Oslo. Questo il podio del rapporto internazionale stilato da Arcadis sulla base di uno studio comparativo dei costi di costruzione globali. Milano e Roma restano a metà classifica perdendo 6 posizioni ciascuna ma rivelando un aumento dei costi di costruzione pari al 10% nell’ultimo anno. La discesa in classifica significa dunque che l’incremento dei costi è stato meno veloce e meno forte rispetto a quello registrato da molte delle città americane, ad esempio, che hanno scalato la classifica aiutate anche dall'apprezzamento del dollaro (che è cresciuto in media del 5% in più rispetto alla maggior parte delle valute). Tendenze al rialzo anche in UK e Germania. Le ultime posizioni sono occupate da città asiatiche e indiane.

Lo studio di Arcadis mostra dunque, come i mercati occidentali registrino aumenti dei costi di costruzione a doppia cifra. In generale, le cause vanno ricercate in una combinazione di fattori - tra cui l'aumento dei costi dell'energia, la carenza di materiali e la disponibilità di manodopera - insieme all'elevata domanda settoriale, in particolare residenziale e industriale. 

In Italia proprio il divario tra domanda e offerta ha trainato la ripresa, superando quella francese e tedesca, complici, se non principali responsabili, i vari bonus per le ristrutturazioni. 

In Asia, invece, il quadro è misto, con costi che sono rimasti in gran parte stabili - eccezione fatta per Singapore, dove le difficoltà di accesso al lavoro hanno generato alti livelli di inflazione. In Australia e nel Medio Oriente, d'altra parte, la domanda non è stata all'altezza delle aspettative, il mercato è diventato più competitivo e una parte significativa dei costi è stata assorbita dalla catena di approvvigionamento. Questo ha fatto sì che località come Melbourne e Sydney scendessero di ben 10 posizioni nella classifica 2022.     

Di fronte alle continue carenze di materiali, l'efficienza e la produttività rimangono un must e dal report di Arcadis emerge esattamente come prodotti e soluzioni digitali siano fondamentali per affrontare la scarsità di risorse e ridurre gli sprechi, così come lo è l’attenzione all'intero ciclo di vita di un progetto rispetto al costo dei ritorni a breve termine. A questo proposito, nel settore edile sarà il design che più probabilmente subirà un processo di efficientamento e guiderà i prossimi investimenti in soluzioni innovative.

Massimiliano Pulice, Amministratore Delegato di Arcadis Italia, ha inoltre ricordato che: “L'analisi di Arcadis è stata condotta prima dell’inizio della guerra in Ucraina, che continuerà ad impattare su carenze di materiali e idrocarburi, portando ripercussioni significative sui mercati globali delle materie prime e dell'energia, e una maggiore incertezza globale”.

Questo rapporto esamina l'edilizia di tutto il mondo rivelando come strategie governative sul COVID-19 diverse, siano correlate a ritmi diversi di recupero – ha sottolineato Pulice – e l’Italia ben si posizione in questa cornice, mostrando un buon tasso di recupero e un mercato dell’edilizia che è tornato a crescere in modo sano e sostenibile, anche grazie ai piani del Governo”.

 

Edilizia: necessario adattarsi per contrastare aumento di costi ed incertezza

 

La sostenibilità, inoltre – continua Pulice - resta in cima all’agenda, le aziende devono adottare un approccio all'uso dei materiali basato sul concetto del "less is more" ponendo maggiore attenzione agli aspetti economici della progettazione e ai principi dell'economia circolare che contribuiranno a ridurre i costi e facilitare il conseguimento di obiettivi di sostenibilità sul più lungo periodo”.

Seppur le condizioni di mercato incombenti non siano sfavorevoli, crediamo che queste sfide presentino più che mai al nostro settore una grande opportunità per portare avanti l'innovazione e consolidare la convinzione di poter fare di più con meno, riducendo così il nostro impatto e la dipendenza dalle risorse e dall'ambiente”.

 

Informazioni su ICC INDEX

L'Arcadis ICC Index anche per il 2022 è stato redatto prendendo in considerazione 100 delle maggiori città del mondo, messe a sistema e confronto su 20 funzioni edilizie. I fattori considerati sono stati identificati attraverso un'indagine sui costi di costruzione, una revisione delle condizioni di mercato e il giudizio professionale di un team di esperti. I calcoli sono stati eseguiti in dollari USD.

Nel rapporto è compresa anche una Guida Pratica per supportare i clienti nell’affrontare le sfide attuali e future. La guida illustra come un processo decisionale flessibile e pragmatico consenta alle aziende di adattarsi a condizioni fluttuanti e imprevedibili e di mettersi in una posizione di leader di mercato per approfittare di un periodo di crescita, sfruttando i processi digitali per efficientare i costi e soddisfare gli obiettivi di sostenibilità essenziali.

In allegato è possibile scaricare e visualizzare il report completo.