Politiche abitative: nasce al Mims l’Osservatorio Nazionale della Condizione Abitativa (Osca)

28/04/2022 1616

Politiche abitative: nasce al Mims l’Osservatorio Nazionale della Condizione Abitativa (Osca) per migliorare politiche e progetti in risposta alle esigenze delle comunità e dei territori

Osservatorio Nazionale della Condizione Abitativa (Osca)

Roma, 28 aprile 2022 – Al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) viene istituito l’Osservatorio Nazionale della Condizione Abitativa (Osca) per approfondire, attraverso la creazione di un sistema informativo, le situazioni abitative nazionali e territoriali, in particolare quelle connesse con l’edilizia residenziale pubblica, analizzare i fabbisogni e sviluppare strategie per orientare le politiche dell’abitare e monitorarne gli effetti.

Osservatorio Nazionale della Condizione Abitativa (Osca)

Il Ministro Enrico Giovannini, in coerenza con la nuova visione del Mims riflessa anche nell’inclusione della competenza sulle politiche abitative e urbane al Dipartimento per le opere pubbliche, ha fortemente sostenuto la creazione dell’Osservatorio, previsto dalla normativa oltre 22 anni fa ma mai costituito, per l’acquisizione, la raccolta, l’elaborazione, la diffusione e la valutazione dei dati sulla condizione abitativa nei diversi territori e per sviluppare idee, progetti e politiche rispondenti alle reali esigenze dei cittadini e delle comunità.

Sullo schema di decreto del Ministro Giovannini che istituisce l’Osservatorio si è svolta oggi un’informativa nel corso della Conferenza Unificata.

L’Osservatorio coordinerà le attività del Mims con quelle delle altre amministrazioni coinvolte nella definizione dei documenti programmatici del Governo sulle politiche abitative, contribuirà alla definizione degli obiettivi strategici, alla valutazione della coerenza e dell’adeguatezza delle risorse finanziarie di programmi e progetti destinati all’edilizia residenziale pubblica o connessi con i temi dell’abitare.

Al Comitato di Indirizzo dell’Osservatorio, presieduto dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, partecipano i rappresentanti del Ministero dell’Interno, del Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Locali, dell’Anci, del Coordinamento delle Regioni e dell’Istat, cui compete il ruolo fondamentale di acquisire e valutare i dati, sviluppare indicatori del disagio abitativo, monitorare gli effetti delle politiche che verranno realizzate.

Il Comitato di indirizzo si avvale di un Comitato tecnico che gestisce operativamente il sistema informativo nazionale e, sulla base dei dati acquisiti, elabora proposte per la definizione di politiche volte a ridurre il disagio abitativo.

La Conferenza Unificata di oggi ha anche dato l’intesa a due schemi di decreto del Ministro Giovannini relativi al Traporto Pubblico Locale (Tpl): il primo riguarda la ripartizione di 80 milioni di euro per i servizi aggiuntivi previsti nel primo trimestre del 2022 necessari per contenere la diffusione del contagio da Covid-19, il secondo contiene misure di semplificazione per la compensazione dei minori ricavi registrati dalle aziende del settore negli anni 2022 e 2021 conseguenti alla crisi pandemica. In particolare, la modifica delle procedure di compensazione prevede che, nell’ipotesi in cui il contributo erogato dovesse risultare in eccesso per l’esercizio 2020, Regioni e Province autonome possano utilizzare la quota eccedente per le compensazioni inerenti l’esercizio 2021.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su