La digitalizzazione per una maggiore sostenibilità di opere ferroviarie

27/05/2022 7091

Venerdì 10 giugno si terrà un Convegno dal titolo "La digitalizzazione per una maggiore sostenibilità di opere finanziarie", organizzato da Harpaceas e il Politecnico di Milano e patrocinato da GBC Italia e che ha come obiettivo quello di presentare e discutere sui temi legati a digitalizzazione, sostenibilità e sviluppo territoriale delle infrastrutture ferroviarie.


Il treno è il mezzo di trasporto più sostenibile per il trasporto di passeggeri e merci

CIFI (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani), in collaborazione con Harpaceas e il Politecnico di Milano e con il patrocinio di GBC Italia, organizza il Convegno “La digitalizzazione per una maggiore sostenibilità di opere ferroviarie”, che avrà luogo, esclusivamente in presenza, venerdì 10 giugno dalle ore 10.00, presso il Politecnico di Milano, Campus Leonardo – Aula Rogers.

Personalità di rilievo, rappresentanti di organi governativi ed esperti di settore porteranno il loro contributo sugli argomenti principali del Convegno, quali digitalizzazione, sostenibilità, sviluppo territoriale legati al mondo delle infrastrutture ferroviarie.

Il trasporto ferroviario riveste un ruolo di primo piano nelle scelte di mobilità europee dei prossimi anni. Il Green Deal Europeo (Green Deal), presentato dalla Commissione europea nel dicembre 2019, si propone infatti di ridurre i livelli delle emissioni nocive dei trasporti, registrati nel 1990, del 90% entro il 2050.

Secondo uno studio dell'Agenzia europea dell'ambiente, il treno è il mezzo più sostenibile per il trasporto di passeggeri e merci. In un'ottica di mobilità a impatto zero, i treni saranno i mezzi su cui puntare maggiormente. L'impatto benefico che la digitalizzazione può portare in questo ambito può essere evidenziato da diversi punti di osservazione.

Gli investimenti previsti dal PNNR e dal Fondo Complementare Nazionale, che si aggiungono a quelli previsti dalle Leggi di Bilancio, sono molteplici e orientati su numerosi ambiti quali lo sviluppo della mobilità sostenibile e decarbonizzazione del sistema dei trasporti (in linea con gli obiettivi e le misure delle direttive europee) e il potenziamento delle infrastrutture ferroviarie, trasporto rapido di massa e mobilità locale, segnale sicuramente positivo per il settore. I collegamenti infrastrutturali appresentano senz'altro una leva per uno sviluppo territoriale.

 

La digitalizzazione per una maggiore sostenibilità di opere ferroviarie

 

L'avvento del digitale nel settore della mobilità sta rivoluzionando i modelli di business e, conseguentemente, il modo di fruire dei trasporti pubblici e privati.

Un primo riscontro è quello relativo al mobility as a service, piattaforme di dati e applicazioni per smartphone che andranno a rivoluzionare l'utilizzo dei trasporti pubblici e privati. Grazie a queste gli utenti potranno pianificare viaggi su misura, anche in ottica di intermodalità, sostenibilità e convenienza economica.

 


ISCRIVITI AL CONVEGNO SU OPERE FERROVIARIE E DIGITALIZZAZIONE


 

La digitalizzazione sta caratterizzando il mondo delle costruzioni e dell'ambiente costruito attraverso una sempre crescente evoluzione tecnologica declinata in varie forme, molte sono ormai le discipline, i termini, le tecnologie che si sono inserite nel nostro mercato. 

Considerando un'ipotetica infrastruttura da progettare o da riqualificare se esistente, essa presenta tematiche quali la metodologia, la progettazione, la collaborazione, il cantiere digitale, la gestione, la manutenzione e fruizione, la tracciabilità. In ognuna di queste, esistono aspetti/effetti positivi dati dalla digitalizzazione e se ben perseguiti, consentiranno di poterne accrescere il "valore".

L'evento si pone l'obiettivo di presentare il tema relativo all'impatto della digitalizzazione per una maggiore sostenibilità di opere ferroviarie.

La partecipazione al Convegno dà diritto al riconoscimento di 3CFP agli Ingegneri iscritti a qualsiasi Albo d’Italia. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web dedicata all’evento.


Logo Harpaceas

Chi è Harpaceas

Harpaceas è stata fondata a Milano nel 1990 da un gruppo di ingegneri che precedentemente avevano maturato una significativa esperienza presso lo studio Finzi & Associati e la CEAS.

Oggi presentiamo al mercato un portfolio che comprende software BIM tra i più diffusi a livello mondiale per tutta la filiera delle costruzioni e delle infrastrutture, oltre che software per il calcolo strutturale e geotecnico.

La nostra proposta si completa con i servizi per l’implementazione del BIM e di formazione specialistica per tutti coloro che operano nel settore delle costruzioni. Con più di 7000 clienti in tutta Italia, ci poniamo come partner tecnologico per tutto l’arco del processo ideativo e costruttivo: dalla progettazione, alla costruzione e alla gestione.

Nel nostro parco clienti sono presenti le più importanti realtà appartenenti alla filiera delle costruzioni. Harpaceas continua a tendere verso l’innovazione digitale, forte della sua storia e delle competenze maturate e consolidate nel corso di più di 30 anni di attività.