GIOCHI ON-LINE: certificazione delle piattaforme dei sistemi di gioco a distanza

Istituto Giordano è l’unico Ente di verifica interamente Italiano accreditato dall’AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) per tale attività.

Come funzionano le piattaforme di gioco?
Tale piattaforma offre al giocatore gli strumenti per registrare un conto di gioco, registrarsi/uscire dal proprio conto di gioco, modificare le informazioni del profilo, versare e prelevare fondi dal proprio conto di gioco, richiedere un riepilogo/estratto dei movimenti effettuati sul proprio conto di gioco, chiudere il conto di gioco. Comprende inoltre qualunque pagina web visualizzata dal giocatore relativa ai giochi offerti dal SGAD (escluse le inserzioni pubblicitarie) che non costituiscono però una vera e propria schermata di gioco; tale piattaforma consente al concessionario di esaminare i conti di gioco dei giocatori, attivare/disattivare giochi, generare reportistica relativa ai conti di gioco e alle transazioni finanziarie di gioco, inserire i risultati per le giocate sportive, abilitare/disabilitare il conto di gioco dei giocatori e impostare tutti i parametri configurabili.

Cosa richiede la legislazione italiana per essere in regola?
La legislazione italiana per ciò che concerne la richiesta di autorizzazione all’esercizio dei giochi di abilità, dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma online, il concessionario inoltri ad AAMS un’apposita istanza, corredata dai progetti di piattaforma del Sistema di Gioco di Abilità a Distanza, dall’applicazione di gioco, nonché della specifica certificazione rilasciata da un apposito Ente terzo di verifica che sia stato accreditato dai monopoli di Stato (EVA, ovvero Ente di Verifica Accreditato).

Iter di Certificazione
La relativa certificazione, necessaria per conseguire l’abilitazione del gioco, deve essere richiesta direttamente dal concessionario ad un EVA, quale, appunto, l’Istituto Giordano, riconosciuto ed accreditato come tale da AAMS.

L’Istituto di prova dopo aver acquisito progetti e piattaforma di gioco procede alle verifiche ed analisi secondo schemi e modelli accreditati dall’AAMS. La procedura di prova si può sinteticamente riassumere nei seguenti punti:

• analisi e certificazione della piattaforma di gioco;
• la veridicità delle informazioni riportate nei progetti;
• analisi e la validazione del codice sorgente del software che implementa l’algoritmo di generazione dei numeri casuali;
• esecuzione di batterie di test statistici, analisi dei risultati e certificazione della casualità su sequenze di numeri casuali prodotte dal generatore;
• analisi e la verifica del codice sorgente che implementa il software dei giochi, nonché emulazione delle fasi ed esiti più significativi degli stessi.

Infine l’EVA fornisce al concessionario il report finale contenente l’esito della verifica di conformità condotta sulle soluzioni tecnologiche adottate dal sistema di gioco di quest’ultimo.

In caso di esito positivo si potrà provvedere alla richiesta dell’autorizzazione, in caso contrario, bisognerà implementare un up-grade che risolva le eventuali non conformità riscontrate prima di poter procedere ad una nuova verifica.

Nello specifico nel caso dei giochi di sorte a quota fissa e giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo è necessario effettuare l’emulazione di tutte le fasi e di tutti i possibili esiti degli stessi. Successive modifiche delle caratteristiche essenziali sia del progetto della piattaforma sia dell’applicazione di gioco, dopo che i Monopoli hanno rilasciato l’autorizzazione sono subordinate alla preventiva approvazione di AAMS e all’eventuale rinnovo della certificazione.

A garanzia del risultato finale
Per effettuare queste verifiche e poter quindi rilasciare la certificazione Istituto Giordano segue un rigoroso protocollo contenuto in apposite Linee Guida.

Anche i software che gestiscono la distribuzione delle carte debbono superare appositi test di verifica, e quindi essere certificati da enti e laboratori terzi riconosciuti dallo Stato, che assicurino un’imparzialità assoluta. Con l’introduzione nel 2011 del cash game (ovvero dei giochi giocati con denaro reale o - più frequentemente - con gettoni che hanno valore di denaro reale) anche sul mercato italiano questi controlli hanno assunto una importanza notevole tenendo conto anche degli interessi economici in gioco, basti pensare che l’incremento sulla spesa totale sostenuta dagli utenti (ovvero la misura dell’effettivo esborso di soldi per il gioco da parte dei giocatori) tra il 2011 e 2012 è stato di oltre il 50%.

Per assicurare la completa imparzialità verso ogni giocatore, sulle varie piattaforme di gioco, bisogna usare sistemi, algoritmi e pratiche idonee e, soprattutto, bisogna avere un efficace generatore di numeri casuali (RNG, Random Number Generator1) che mescoli i mazzi e generi le carte; perché solo numeri esclusivamente casuali sono alla base di un gioco online onesto e corretto. Un buon RNG funziona ad alti livelli di casualità per garantire a tutti i giocatori di avere le stesse possibilità di vittoria.

Un generatore di numeri casuali di buona qualità deve generare numeri che sono:
• distribuiti uniformemente e senza alcun rapporto reciproco;
• imprevedibili
Per quanto riguarda tale generatore lo Stato esige una completa e accurata descrizione di ogni suo componente. Questa deve comprendere il processo di generazione del seme, comprese la frequenza e la periodicità con cui questo viene cambiato, la dimensione e la frequenza dei numeri generati e l’algoritmo su cui si basa la funzione che li genera.

Attività periodiche/annuali di controllo
La legislazione italiana prevede che ogni software venga certificato una volta all’anno ed, inoltre, il suo costantemente monitoraggio per evitare che possano verificarsi anomalie. Con l’inizio del gioco in modalità cash l’affidabilità degli RNG assume ovviamente un’importanza ancora maggiore. Le piattaforme di gioco, infatti, devono creare dei sistemi dove le certificazioni costituiscono il metro di giudizio dell’affidabilità del software. Per di più anche il sistema di gestione delle carte viene sottoposto a certificazione una volta all’anno. Durante questa fase che può durare anche un mese, tutti gli aspetti del generatore di numeri casuali sono analizzati singolarmente e la valutazione viene condotta controllando il codice sorgente, le teorie matematiche, il periodo RNG ed il sistema che lo determinano. Da un punto di vista operativo i nostri tecnici procedono sempre ad effettuare un esame generale di tutto il programma, di tutta la documentazione presentata all’AAMS e verificano come le informazioni vengano messe a disposizione del sistema. Terminata questa prima fase si mette a dura prova tutto il sistema della piattaforma di gioco, dal controllo sull’accesso ai giochi al conto di gioco stesso. Infine, vengono esaminate con sopraluoghi le server farm per valutare con attenzione che siano conformi a tutti i requisiti sulla sicurezza dei sistemi (sicurezza fisica e dell’ambiente).

Solo allora la procedura di verifica può ritenersi completa e si può procedere al rilascio della certificazione con il suo esito.


1Sistema, congegno o modulo che crea una sequenza di numeri apparentemente non collegati fra loro.