Il BIM non è solo disegno 3D: Esperienze dalla Svezia

 

La mia esperienza di lavoro a Stoccolma inizia nel 2010, quando trovai impiego in una società che eseguiva rilievi di infrastrutture con la tecnologia Lidar. Nel 2012 ho iniziato a lavorare nello studio di progettazione strutturale BTB (Byggnadstekniska Byrån) dove ho incominciato ad applicare la tecnologia BIM (Building Information Modelling).
La BTB (Byggnadstekniska Byrån) ha sede a Stoccolma, Uppsala e Jonköping ed impiega circa settanta ingegneri.(http://btb.se/projekt/byggnadskonstruktion/)
Sin dal 2006, BTB ha operato applicando la progettazione strutturale 3D e, adottando nel corso degli anni le applicazioni più recenti dei migliori software di modellazione disponibili sul mercato, rimanendo sempre all´avanguardia nel settore.
Oggi usiamo BIM per la maggior parte dei progetti e, a seconda del tipo di progetto (cemento armato, c.a. prefabbricato, acciaio o legno) e di dettaglio che si vuole raggiungere, viene scelto il software piú adatto a soddisfare i requisiti richiesti dal contratto e dalle specifiche tecniche fornite dal manuale BIM del progetto. In questo articolo descriverò come la tecnologia BIM (Building Information Modelling) é stata applicata alla progettazione di due edifici scolastici: la “Scuola Lilla Alby” e la “Scuola Ursviks”.
 
Per entrambi i progetti sono stato coinvolto nel team di progettazione strutturale e, per uno di essi, sono stato anche responsabile dei meeting di coordinamento per la verifica dei risultati dell’analisi “clash detection” da me effettuata per la ricerca di possibili interferenze tra il modello strutturale, quello architettonico e gli impianti.
Il modello strutturale é stato sincronizzato con i modelli BIM di tutte le discipline per ottimizzare al massimo i tempi di costruzione e ridurre quindi i costi in fase di esecuzione dei lavori.
In Svezia, le fasi progettuali sono tre (Programhandling , Systemhandling e Bygghandling) e sostanzialmente rispecchiano le tre fasi italiane: progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva.
Con la fase del “Systemhandling”, architetti, ingegneri e impiantisti lavorano per il dimensionamento e la progettazione dell´edificio. Il dialogo tra tutti i consulenti è di estrema importanza poiché il coordinamento dei propri disegni o modelli con quelli degli altri assicura la fattibilità del progetto in fase esecutiva.


SCARICA 'ARTICOLO INTEGRALE PER CONOSCERE L'APPLICAZIONE DEL BIM AI DUE CASI DI EDIFICI SCOLASTICI SVEDESI.

 


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su