Il BIM e la FEDERICO II di Napoli

23/07/2015 7616


All'Assemblea di Building Smart Italia erano presenti il Prof. Asprone e l'Ing. SALZANO della Federico II di Napoli, a testimonianza del forte interesse dell'università per il tema del BIM. La redazione di INGENIO li ha intervistati.

L'Ateneo della Federico II è orientata non solo verso didattica e formazione di ingegneri e architetti legate al BIM, ma soprattutto alla ricerca. Attualmente ci sono in essere attività collegate allo sviluppo di progetti legati alla valutazione di impatto ambientale che possono trarre vantaggio dalle grandi potenzialità del BIM, essendo uno strumento informativo significativo per orientare la progettazione nell’ottica della sostenibilità.
Inoltre si cerca di sviluppare il BIM in quanto strumento d’ausilio per la progettazione di interventi su strutture esistenti: in Italia essendoci un’elevata incidenza di strutture esistenti, c'è l'intenzione di diventare una frontiera di ricerca nella direzione di utilizzare il BIM verso la riqualificazione dell’esistente.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su