Tasse sulla casa 2016: Tasi, Imu, super Tasi. Chi paga e chi no: il vademecum

26/10/2015 4746

Dal 2016, quindi, non pagheremo più tasse sulla casa? Non proprio. L'esenzione riguarda la Tasi sulla prima casa, escluse le abitazioni di lusso per le quali, dopo un'iniziale 'caos', si prospetta il pagamento con aliquota al 4 per mille e detrazione massima di 200 euro. Torna (anzi resta) anche la super Tasi, con la differenza che tutti i comuni potranno decidere se applicare una addizionale dello 0,8 per mille

Tasi prima casa: tana libera tutti (tranne i lussuosi)
La tassa sui servizi indivisibili sulla prima casa altrimenti conosciuta come imposta sulla "abitazione principale". Chi vive in una casa in affitto che non è 'prima casa' continuerà però a pagare la 'quota inquilino' come deliberata dai Comuni.

Importante precisazione: non ci sarà nessun aggravio per i proprietari quando l'inquilino ha nella casa in affitto la prima casa. Gli affittuari continueranno cioè a pagare nella percentuale stabilita dal Comune o, senza delibera, il 90% del tributo. Per il mancato introito conseguente dall'abolizione della Tasi sulla prima casa, i comuni saranno rimborsati con 3,6 miliardi. Resta anche per il 2016 il cosiddetto 'fondo Tasi', per 390 milioni.

Capitolo Imu: anche nel 2016 ovviamente non si pagherà, visto che la tassa era stata abolita nel 2014 con esclusione delle abitazioni di lusso (immobili accatastati A1, A8 e A9) che trattiamo qui in seguito.
 

Case di lusso: detrazione massima 200 euro
In principio pareva che anche questo tipo di abitazioni - circa 62mila immobili in Italia - sarebbero state esentate dal pagamento della Tasi sulla prima casa. Matteo Renzi, dopo le polemiche scaturite, intervenì subito per chiarire la faccenda, e precisando su Twitter che non cambiava nulla rispetto al passato. 

La norma è la stessa anche sulla questione dei castelli che dunque – a differenza di quanto si dice con tono scandalizzato – pagheranno (come per abolizione ICI del 2008). Ironia della sorte: i castelli furono parzialmente esentati dai governi successivi, anche di centrosinistra, perché considerate residenze storiche, ma le categorie catastali A1, A8, A9 avranno lo stesso trattamento della misura del 2008”.


Ok, ma cosa centra l'Ici con la Tasi?, sostennero subito dubbiosi i primi critici. Bene: alla fine della fiera, per le case di lusso succederà questo: pagheranno la Tasi anche sulla prima casa e si applicherà l'aliquota al 4 per mille e con una detrazione fino a 200 euro.

Super Tasi: ecco come funziona
Per il 2016 è prevista una 'sospensione' degli aumenti dei balzelli locali, con l'eccezione però della possibilità di applicare una addizionale dello 0,8 per mille già prevista per 2014 e 2015 e prorogata al 2016 senza essere più collegata all'introduzione contestuale di detrazioni. La super Tasi, cancellata sulla prima casa, si potrà quindi applicare sulle seconde case e sugli immobili strumentali (uffici, negozi e alberghi) che potrebbe valere, dalle prime stime, un 'salasso' da 1,5-2 miliardi su questi immobili.

SCARICA IL TESTO DELLA LA LEGGE DI STABILITA' IN FORMATO PDF