Progettazione BIM e WBS: un esempio di dialogo

Introduzione
Nell’ambito della progettazione è sicuramente rilevante il ruolo che riveste la Work Breackdown Structure (WBS).
In questo articolo vogliamo illustrare come sia possibile far dialogare un software BIM di authoring architettonico e la WBS di progetto.

WBS
Con Work Breackdown Structure, detta anche Struttura di Scomposizione del Lavoro o Struttura Analitica di Progetto, si intende l’elenco di tutte le attività di un progetto.
Le WBS sono usate nel Project Management e coadiuvano il project manager nell’organizzazione delle attività di cui è responsabile. A livello logico una WBS è un albero gerarchico. Obiettivo finale della WBS è l’esecuzione del progetto e per poter gestire al meglio le fasi, le attività, le attrezzature utilizzate e le risorse impiegate, ci si basa su quella che viene detta “Regola del 100%”. È il caposaldo per comprendere il funzionamento della WBS. Ogni ramificazione di fase/attività dovrà portare ad un totale verificato al 100% in ogni sua parte. Vediamo di chiarirne la logica con un semplice schema.




La WBS può articolarsi in un numero qualsiasi di livelli, anche se è buona norma non superare i quattro livelli per garantire una maggiore leggibilità. Nel caso fosse necessario articolare maggiormente i livelli, si consiglia di sviluppare dei sotto progetti, che permettono una maggiore flessibilità nella gestione.

È importante chiarire cosa non sia una WBS per evitare dubbi che al momento della creazione possono risultare critici.

• Non è una lista completa dei lavori.
• Non è una pianificazione del progetto
• Non è una lista in ordine cronologico.
• Non è una gerarchia organizzativa.

È fondamentale a nostro avviso chiarire che una WBS è una forma di scomposizione strutturata del progetto, che si sviluppa tramite l’individuazione di sotto-obiettivi e attività definite ad un livello di dettaglio sempre maggiore.
Ricordiamo come lo scopo della WBS sia di identificare e collocare all’ultimo livello gerarchico pacchetti di lavoro (deliverables) chiaramente gestibili e attribuibili a un unico responsabile, affinchè possano essere programmati, schedulati, messi a budget, controllati e valutati.

La WBS può essere utilizzata per differenti scopi, tra i quali:

– Individuare le parti critiche di un progetto.
– Creare una base per pianificare i tempi, i costi e l’utilizzo delle risorse di un progetto.
– Definire le responsabilità relative alle diverse parti incrociandola con una Object Breackdown Structure (OBS) .
– Definire i costi generali del progetto e i tempi in fase di elaborazione dell’offerta.

ALL'INTERNO DELL'ARTICOLO CON LA DESCRIZIONE DI UN ESEMPIO DI DIALOGO TRA BIM ARCHITETTONICO E WBS