Giovanni Azzone: 7 proposte da Casa Italia per ridurre la vulnerabilità sismica del Paese

14/09/2017 2292

Ecco la relazione tenuta oggi dal Prof. Giovanni Azzone durante i lavori di IF CRASC 2017, l’appuntamento biennale dedicato all’ingegneria forense applicata nel settore delle costruzioni e industriale.

Giovanni Azzone ha evidenziato che dal rapporto conclusivo di Casa Italia, di cui INGENIO ha pubblicato un lungo approfondimento (LINK), sono emerse 7 proposte strategiche, alcune di esse oggi già finanziate e in fase di realizzazione o completate.

L’ex Rettore del Politecnico e project manager della struttura di Missione Casa Italia, ha approfondito quindi le conclusioni del lavoro svolto dalla commissione. La presentazione verbale e diretta di chi ha curato il lavoro di questi mesi ha consentito di poterne comprendere alcuni aspetti, che leggendo soltanto il rapporto non era stato possibile cogliere.

Tra questi le valutazioni sui comuni appenninici che si trovano nelle aree più a rischi sismico, e spesso idrogeologico, soggetti anche a un fenomeno di abbandono da parte  degli abitanti. Luoghi che da un lato essendo più a rischio varrebbe la pena di abbandonare del tutto, ma se si tiene conto dell’enorme valore del patrimonio storico esistente, si capisca come si debba invece intervenire per ridurre la loro vulnerabilità sismica.

Tutto questo e molto altro lo trovate nel video qui riportato, trasmesso da INGENIO in diretta video sul suo canale YOUTUBE e ora visibile anche sul portale. LINK