14° Congresso Nazionale Domotecnica, i dati dall’Osservatorio sull’Efficienza Energetica

20/09/2012 1674

Sono stati presentati a Torino, in occasione del 14° Congresso Nazionale Domotecnica, i risultati dell’Osservatorio sull’Efficienza Energetica commissionato da Domotecnica in partnership con Enel Energia.
 

Gli italiani aprono le loro case all’efficienza energetica

Le case degli italiani hanno impianti poco efficienti, in cui le caldaie tradizionali, adottate dal 64% delle famiglie, superano nettamente le tecnologie che offrono maggiore risparmio, come quella a condensazione (18%) o le pompe di calore. Nonostante ciò, l’attenzione nei confronti dell’efficienza energetica è molto elevata: il 43% delle famiglie è disponibile a valutare ed eventualmente realizzare interventi di riqualificazione, mentre il 13%, ovvero circa 3,3 milioni di famiglie, dichiara di aver programmato, nel corso dei prossimi 12 mesi, interventi per efficientare le proprie abitazioni. Oltre a motivi economici come il risparmio in bolletta, è la fiducia nei confronti di chi eseguirà i lavori a spingere gli italiani a effettuare interventi. Per rendere più efficiente la propria casa, le famiglie preferiscono la professionalità e la familiarità degli artigiani specializzati, ovvero di installatori che siano in grado di seguirli passo passo in questo processo. Un elevato grado di fiducia è riconosciuto dalle famiglie anche alle utilities fornitrici di elettricità e gas, in particolare per la consulenza e la preventivazione dei costi.
 

L'efficienza energetica piace agli imprenditori italiani dello small business

La maggioranza delle imprese italiane dello small business utilizza i condizionatori caldo/freddo per il riscaldamento delle proprie installazioni: ben il 64% dichiara di possedere questa soluzione contro un 53% che ha in dotazione una caldaia tradizionale e solo un 11% una caldaia a condensazione. Inoltre quasi un’impresa su tre utilizza per il riscaldamento esclusivamente i condizionatori (a pompa di calore) mentre nelle abitazioni questa percentuale è ridotta al solo 6% della popolazione. L’attenzione dimostrata dalle imprese nei confronti dell’efficienza energetica è molto elevata: il 45% delle imprese italiane è disponibile a valutare ed eventualmente realizzare interventi per efficientare la propria struttura. Oltre a motivi economici come il risparmio in bolletta, sono la sostenibilità e il contributo al bene del pianeta a spingere ad effettuare interventi.
Per rendere più efficienti le proprie aziende, gli imprenditori scelgono di affidarsi per l'installazione di sistemi per il risparmio energetico alla professionalità dell'artigiano specializzato che rappresenta l'interlocutore principale in questa fase insieme ai rivenditori, i quali sono ovviamente preferiti durante la fase di acquisto dei materiali. Molto buona la fiducia che le imprese hanno delle utilities in fase di consulenza.

 

Per maggiori informazioni scarica i comunicati stampa: