Pubblicata la nota trimestrale dell'Osservatorio del Mercato Immobiliare riferita al I trim 2013

04/07/2013 2927

E' stato pubblicato sul sito dell'AGENZIA DELLE ENTRATE, la NOTA TIMESTRALE sull'ANDAMENTO DEL MERCATO IMMOBILIARE relativa al I trimestre 2013.

Si ricorda che le Note trimestrali rappresentano una sintesi dell’andamento dei mercati immobiliari a scala nazionale, con dettaglio provinciale e per capoluogo. 

I dati delle compravendite si riferiscono al numero di unità immobiliari compravendute, per ciascun trimestre, desunte dalle note di trascrizione degli atti di compravendita registrati presso gli archivi di Pubblicità Immobiliare degli Uffici provinciali - territorio dell'Agenzia delle Entrate.

Nella parte introduttiva della Nota vengono riassunti i dati generali sulle compravendite in ITALIA.

Di seguito le prime indicazioni sull'andamento generale del settore e si lascia alla lettura dell'intero documento per l'approfondimento ai vari settori (residenziali non residenziali) e alle varie distinzioni per aree geografiche.


Nel I trimestre 2013 non si interrompe la sequenza di tassi negativi nel mercato immobiliare. Con 212.215 unità immobiliari compravendute (NTN) nel I trimestre 2013, il calo degli scambi rispetto al I trimestre 2012 è pari al -13,8% ed è il quinto calo tendenziale consecutivo. La Tabella 1, che riporta i volumi di
compravendita e le rispettive variazioni tendenziali, evidenzia le riduzioni degli scambi nel mercato immobiliare rilevate in tutti i comparti dal I trimestre 2012.




Nel I trimestre 2013 sono state compravendute 94.503 abitazioni, con una riduzione degli scambi pari al -14,2% (erano 110.116 nel I trimestre del 2012). Analogo l’andamento nel settore delle pertinenze, per la maggior parte riconducibili all’uso residenziale, che con 77.475 NTN segna una perdita del -12,9%.
Continua la contrazione degli scambi anche nei settori non residenziali con il segmento del terziario che registra 2.378 NTN nel I trimestre 2013 segnando la peggiore flessione del comparto (-9,2%), seguito dal commerciale con 5.957 NTN (-8,7%) e infine dal settore produttivo con 2.147 NTN (-5,9%).

Per SCARICARE LA NOTA CLICCA QUI

FONTE AGENZIA DELLE ENTRATE