L'AQUILA - grazie ad ENEA nasce PIAZZA100, HUB-SMART della ricostruzione

20/09/2015 3978

Si chiama Piazza100 il progetto sociale di Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) che vuole donare alla città dell'Aquila una nuova piazza.

Nella città delle "99 chiese, 99 fontane e 99 piazze", l'idea è di creare uno spazio, virtuale e fisico, in cui "ricominciare a condividere il piacere di essere concittadini". Una centesima piazza, dunque, che rappresenti non un nostalgico richiamo al pre-sisma ma uno sguardo al futuro.

"Non c'era prima del terremoto, - scrivono in una nota sul sito - non è stata distrutta, né ricostruita: è un nuovo inizio che non dimentica nulla, anzi ricorda il passato, racconta il presente e progetta il futuro".

Il progetto - creato da Enea su progetto finanziato dal Miur e in accordo con il Comune dell’Aquila - si compone di tre strumenti di comunicazione interconnessi tra loro: il sito web (già online) , l'app per smartphone e l'hub fisico nel Parco del Castello.

Quest'ultimo rappresenta, forse, la vera novità che tutti, a breve, potremo vedere con i nostri occhi. "C'era bisogno, oltra allo spazio virtuale, - spiega Enea - di un vero luogo, un'ancora terrena che desse a Piazza100 una visibilità e una tangibilità ancora maggiore per tutti i cittadini dell’Aquila".

L'hub sarà situato nello spiazzo del parco del Castello, proprio di fronte all' Auditorium del Parco e sarà composto di tre moduli in cui sarà possibile creare, condividere e mettere in rete.

Nel modulo "City sense", sarà possibile interagire sullo schermo principale con la pagina Facebook di Piazza100, inserendo testi da tastiera e oggetti multimediali tramite usb. Intanto nei quattro schermi laterali appariranno foto, video o contributi audio condivisi dai cittadini in Piazza100. Ogni nuovo contenuto in arrivo sarà annunciato da un segnale sonoro e visivo, per "dare al visitatore la sensazione stessa di essere nel centro più vitale della città".

Il secondo modulo, "Creative Swarm", permetterà a più utenti contemporaneamente di navigare tra i contenuti creativi inseriti nel database della community. Basterà inserire sullo schermo multitouch parole chiave che troveranno in tempo reale i risultati relativi. Si potrà, inoltre, decidere di unire frasi, foto o video tra loro, creando un nuovo contenuto che entrerà nel database.

Il modulo "Community Exhibition", infine, sarà dedicato alla mostra dei migliori contenuti creativi della community: verranno esposti e spiegati su un grande schermo e grazie ad una videoproiezione esterna al modulo. Occasionalmente, si potranno ammirare esposizioni virtuali di artisti affermati, che hanno deciso di contribuire al progetto.

La parte virtuale del progetto consiste invece nel portale di Piazza100: una sorta di piattaforma nella quale associazioni e cittadini possono condividere una foto, un video, una frase o un progetto. Un grande contenitore in cui mettere in rete tutti i contenuti relativi al futuro, e al presente, della nostra città. Fino al 31 ottobre sarà inoltre possibile iscriversi, come singoli, gruppi o scuola, al contest di Piazza100, inserendo la propria opera, sotto forma di immagini o video.

Piazza100, se sfruttata da tutti nel modo adeguato, potrà valorizzare il lavoro di coloro che hanno deciso di realizzare iniziative per la propria città, e crearne di nuove. Potrebbe essere, dunque, un punto di partenza per iniziare ad abbattere le barriere del provincialismo e aprirsi davvero a quello che ci piace chiamare "partecipazione".