Pubblicata la nuova UNI 8520-1 sugli aggregati per calcestruzzo

26/10/2015 8332

La norma UNI 8520-1:2015 ritira e sostituisce la UNI 8520-1:2005.

La norma nazionale UNI 8520-1 si occupa delle istruzioni complementari per l'applicazione in Italia della EN 12620; essa fornisce prescrizioni inerenti la designazione e i criteri di conformità.

La EN 12620, elaborata dal Comitato tecnico CEN/TC 154 nell’ambito del mandato M/125 conferito al CEN dalla Commissione europea e dall’Associazione Europea del Libero Scambio, è stata redatta tenendo conto delle esigenze, delle condizioni ambientali e della pratica d'uso delle diverse nazioni europee. La norma riguarda gli aggregati e i filler di origine naturale, industriale o riciclati e le miscele di questi aggregati destinate alla produzione di calcestruzzo e fornisce i criteri di classificazione del materiale secondo caratteristiche geometriche, fisiche e chimiche. Prescrive inoltre un sistema di controllo della produzione mirato a soddisfare la conformità ai requisiti necessari alla marcatura CE.

Per l'utilizzo in Italia di aggregati conformi alla UNI EN 12620 sono state elaborate due norme: la UNI 8520-1, che fornisce chiarimenti in merito alla designazione e alla conformità degli aggregati; la UNI 8520-2 che fornisce indicazioni per l'utilizzo di aggregati conformi alla UNI EN 12620 in funzione della destinazione finale del calcestruzzo.

La norma UNI 8520-1:2015 “Aggregati per calcestruzzo - Istruzioni complementari per l’applicazione della EN 12620 - Parte 1: Designazione e criteri di conformità” costa Euro 46,00 + iva (in lingua italiana) ed è disponibile sia in formato elettronico che in formato cartaceo, sarà scontata del 15% ai soci effettivi.

La norma UNI UNI 8520-1 è contenuta nell’abbonamento all’UNI/CT 009 (ex OT U96), relativo alla commissione tecnica Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato.