Dissesto idrogeologico: progetti al Centro Nord per 1.8 miliardi

23/09/2016 2170

L'operazione, definita da Italia Sicura, coinvolgerà mille progetti. Dallo Stato fondi distribuiti in 30 anni, da Bei e Ceb il prestito per anticipare la spesa

Parte ufficialmente, l'operazione dei mutui Bei per gli investimenti di messa in sicurezza del territorio e contro il dissesto idrogeologico definita da Italiasicura. Nello specifico, quella per il dissesto idrogeologico avrà un valore di 1.8 miliardi e coinvolgerà più di mille progetti, distribuiti soprattutto al Centro Nord. I progetti, dai quali pescare per richiedere il prestito, sono peraltro già stati individuati dall'Unità di missione di Italia Sicura, presieduta da Erasmo De Angelis.

La norma che serve prevede la possibilità di attivare una linea di indebitamento con le due banche (Bei e Ceb) e, in contemporanea, attiva un mini-finanziamento annuale per rimborsare i mutui. Il modello è quello già sperimentato per le scuole, quando fu sottoscritto un prestito su base trentennale. Parallelamente è già partita la trattativa con la Bei che, entro fine settembre, darà il via a una prima disponibilità di fondi. L'unica incognita è la modalità di inserimento dello schema, se in Stabilità 2017 oppure in qualche altra norma ad hoc.

Questi 1.8 miliardi consentiranno, inoltre, di chiudere il maxi piano pluriennale 2014-2020 per la messa in sicurezza del territorio: attualmente ci sono dentro 7.8 miliardi, dei quali 2.4 di Fsc, 1.3 di fondi Por, 1.9 dedicati alla manutenzione delle foreste dal MiPaaf, 300 milioni del Ministero dell'Ambiente, 100 del fondo progettazione più, ovviamente, gli 1.8 miliardi dei prestiti Bei.

 

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su