Link a PROGETTAZIONE SISMICA

08/05/2012 2520

Progettazione Sismica (www.progettazionesismica.it) è entrata nel quarto anno di vita. La sua nascita non è stata una cosa da poco, anzi sembrava proprio controcorrente: ormai su internet si trova tutto, perché mettersi ancora a sprecare carta, facendo uscire una rivista ogni quattro mesi? Ebbene, proprio nella cura della parola e della notizia, nella scelta delle immagini, nel tempo dedicato alla riflessione ed alle decisioni è stata la novità prima, ed il successo dopo, di una rivista che si occupa dei molteplici aspetti legati alla progettazione in zona sismica.
In questi anni la rivista ha promosso, sostenuto e curato, la formazione e la ricerca nel campo della riduzione del rischio sismico, preparando note selezionate e accurate in luogo dell’informazione veloce, con la pazienza di scegliere, ed il coraggio di scartare, testi ed immagini, impiegando tempo, pazienza e dedizione, avvicinando il mondo professionale, quello accademico e quello istituzionale attraverso la descrizione delle opere progettate e realizzate, come enfatizzato nel titolo stesso.
Sono stati presentati temi significativi e controversi. Negli editoriali si è parlato del rapporto impossibile fra necessità e risorse, fra l’elevata vulnerabilità del patrimonio costruito italiano e la necessità di adeguarlo ai livelli di sicurezza previsti dalle Norme, su ciò che andrebbe fatto in “tempo di pace”, prima di un evento sismico. Si è parlato della “vera” storia di una sfida ingegneristica senza precedenti quale è stato il Progetto C.A.S.E., si è ragionato sul significato di spettri a probabilità uniforme dopo i terremoti in Giappone e in Nuova Zelanda. Ci si è chiesti provocatoriamente, più da giornalisti che da tecnici, cosa sarebbe successo se terremoti di magnitudo sette o più fossero avvenuti in Italia. Ma si è parlato anche del rapporto fra terremoti ed assicurazioni e del bisogno di norme in questo ambito.
Tramite le rubriche sono stati forniti continui aggiornamenti, particolarmente sull’attività della Protezione Civile, di Reluis (la Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica), dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, della fondazione GEM (Global Earthquake Model).
Progettazione Sismica ha avuto il merito di raccogliere e divulgare un’incredibile mole di informazioni sul terremoto di L’Aquila e su quello dello scorso anno in Giappone. Il contributo sul terremoto di L’Aquila è tuttora disponibile, a chiunque ne faccia richiesta, in forma di due rapporti, uno in Italiano e uno in Inglese, ciascuno di 260 pagine, comprendente 21 contributi su argomenti specifici realizzati da 144 Autori con esperienza diretta sul campo. Il contributo sul terremoto di Tohoku, presentato in forma di due report sui primi due numeri del 2011, è stato realizzato traducendo i numerosi documenti giunti in redazione grazie all’instancabile lavoro di Shunsuke Otani, emerito dell’Università di Tokyo e tuttora parte della facoltà della Rose School di Pavia.
Sono stati pubblicati articoli significativi sulla progettazione di dispositivi di isolamento a pendolo e sull’adeguamento sismico di ponti in muratura, così come sulla protezione sismica di edifici prefabbricati o esistenti mediante controventi dissipativi, sulle prestazioni sismiche di elementi non strutturali, sulla progettazione di opere geotecniche, e fondazioni prefabbricate. Nel prossimo numero saranno pubblicati lavori sulla modellazione e l’analisi della Gran Guglia del Duomo di Milano, sul progetto e la realizzazione di strutture pluripiano in legno e di opere geotecniche quali le paratie, sulla definizione di accelerogrammi spettro compatibili per tutto il territorio italiano.

Potete scoprire le offerte e condizioni speciali di abbonamento sul sito www.iusspress.it, canale esclusivo per la distribuzione.

Vi invitiamo a richiedere una copia gratuita del rapporto sul terremoto di L’Aquila, scrivendo a info@progettazionesismica.it.