Le nuove etichette energetiche per gli elettrodomestici: da A a G

Redazione INGENIO 15/06/2017 1002

Basta con “A++” A+++” o altre sigle difficilmente leggibili e spesso poco comprensibili. Sono in arrivo nuove e più chiare etichette sull’efficienza energetica di apparecchi di uso comune, come frigoriferi, lavatrici, televisori…. Il Parlamento europeo ha approvato una proposta della Commissione europea che semplifica questo tipo di informazioni, trasformandola in una scala di solo lettere e colori.

 

Con la nuova normativa ci sarà una scala univoca di efficienza, con le lettere dalla A alla G e con i colori dal verde al rosso in sostituzione dell’attuale pletora di scale. Ora ne esistono fino a nove che vanno ad esempio da A+++ a D, oppure da A a G, o ancora da A++ a E e costituiscono una giungla in cui è facile smarrirsi. Le nuove etichette, inoltre, saranno inserite in un database on line aperto, trasparente,  contenente una gran quantità di informazioni aggiuntive: un QR code, un link o simili dovrà permettere di raggiungerlo direttamente dall’etichetta anche attraverso un telefonino.
Sono le etichette 2.0 – ha spiegato il relatore del provvedimento Dario Tamburrano (M5S) dell’Efdd (Europe of Freedomand Directory Democracy) – . Ci siamo battuti per un database con dati aperti e accessibili a tutti che consentirà di sviluppare applicazioni per effettuare confronti immediati fra i vari modelli ed individuare quello che offre il maggiore risparmio di energia, quindi di denaro, rispetto alle abitudini personali di impiego. Inoltre i fabbricanti avranno facoltà di inserire sull’etichetta il simbolo che indica la capacità di un’apparecchiatura di essere smart. È la nuova frontiera dell’efficienza energetica”.
L’eurodeputata Martina Werner, ha spiegato che “le nuove etichette di energia aiuteranno(…) le famiglie medie a risparmiare fino a 500 euro all’anno”.
I clienti dovrebbero trovare nei negozi le nuove etichette di rating non prima della fine del 2019.
Per tenere il passo con i miglioramenti tecnologici sull’efficienza energetica, i parlamentari europei hanno stabilito che “ogni volta che il 30% dei prodotti venduti sul mercato dell’Ue rientrerà nella classe A o quando il 50% dei prodotti rientrerà nelle prime due classi di efficienza energetica, A e B, la scala sarà aggiornata”. 
Per quanto riguarda la tutela dei consumatori, saranno lanciate campagne informative dopo ogni “riscalaggio” e, come già accennato, le etichette saranno affisse sui prodotti in formato stampato e consultabili online. Nel caso di aggiornamenti che incidano sull’efficienza energetica di un prodotto già acquistato, il fornitore dovrà informare il cliente.

Notizia tratta dal sito www.eunews.it