10 Motivi per cui l'IFC è cruciale per il successo della progettazione BIM

allplan-wp-ifc.JPG

Ormai tutti sanno che il BIM non è un software, ma un metodo di lavoro per il settore delle costruzioni, dove persone, processi e strumenti cooperano in modo orientato agli obiettivi. In teoria tutto ciò sembra semplice, ma per i progettisti rappresenta una grande sfida. In particolare, lo scambio di dati CAD in passato si è rivelato imperfetto con il metodo di lavoro convenzionale. Lo scambio dei diversi formati tra i vari software delle diverse discipline ha spesso causato una perdita di informazioni.

Per un processo BIM fluido, è stato sviluppato un formato dati neutro, il formato IFC. Chi oggi non dispone di un'interfaccia IFC e non è quindi in grado di scambiare il proprio modello digitale tra i software, perderà competitività in futuro.

Leggi il white paper e scopri perché l’IFC è la chiave del successo della progettazione BIM. Il documento si basa su un'intervista con lo studio di architettura di Zurigo Stücheli Architekten, che racconta le proprie esperienze con il BIM e l’IFC.

» DOWNLOAD GRATUITO DEL WHITE PAPER

Contenuto:

  • Interoperabilità migliorata grazie allo scambio dati ottimizzato
  • Ottimizzazione costante e sviluppo continuo
  • IFC come chiave universale per il BIM
  • Comunicazione tra i software e tra i progettisti
  • Supporto di numerose applicazioni
  • Filtrare le informazioni importanti
  • Standardizzazione del processo BIM
  • Scambio dati semplificato con il BCF
  • Linguaggio universale internazionale per lo scambio aperto dei dati
  • IFC e openBIM sono parte integrante della progettazione

L'evoluzione del livello di collaborazione interdisciplinare nei progetti di costruzione che ha accompagnato il processo BIM ha assegnato un ruolo centrale allo scambio di dati. Il reale valore aggiunto del metodo BIM può essere ottenuto solo utilizzando la tecnologia openBIM. Ciò è dovuto al fatto che i modelli parziali delle diverse discipline specialistiche possono essere confrontati tra loro nel modello BIM solo se è possibile lo scambio dei dati efficiente tra i software.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su