Nuova norma per le analisi sul calcestruzzo indurito: la UNI 7699

Redazione INCONCRETO 20/05/2018 1326

La durabilità delle opere in calcestruzzo dipende in gran parte dalla capacità di resistenza alla penetrazione di acqua, che può avvenire sia per effetto della risalita capillare alla pressione atmosferica sia a causa di gradienti di pressione.

Si pensi al problema dei cicli gelo disgelo, all’attacco dei cloruri, solfatici, o al più diffuso problema della carbonatazione e della corrosione dei ferri di armatura. In merito a queste tematiche la commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato ha elaborato la nuova  edizione della UNI 7699:2018, che sostituisce la revisione del 2005.

Questo documento specifica un metodo per la determinazione dell'assorbimento d'acqua alla pressione atmosferica di provini in calcestruzzo preparati in laboratorio o in cantiere secondo la UNI EN 12390-2 o ricavati in sito secondo la UNI EN 12504-1.

Penetrazione dell'acqua nel calcestruzzo: un cambio importante

Non si tratta di una semplice revisione lessicale. Scompaiono con la nuova norma l'acqua parziale di saturazione e l'acqua totale di saturazione. Ora si parla di Acqua di saturazione, ovvero della quantità percentuale di massa di acqua necessaria a portare a completa saturazione un provino in equilibrio con un ambiente condizionato a circa 20°C e 50% di UR.

Cambia quindi il metodo di misura.

La misura della resistenza del calcestruzzo alla penetrazione dell'acqua

La prova consiste nel misurare la variazione di massa di provini di calcestruzzo indurito  a seguito della loro immersione in acqua, e può essere eseguiti sia provini cubici (15 cm di lato) che su cilindri con diametro da 10 cm e altezza da 20 cm.

La prima pesata va fatta sul campione di calcestruzzo pronto per la prova.

Quindi, nel caso di calcestruzzo proveniente da un prelievo di calcestruzzo fresco, questo deve essere conservato e stagionati nelle condizioni specificate alla UNI EN 12390-2, e dopo tale stagionatura devono essere collocati in ambiente condizionato a circa 20 °C ad una umidità relativa di circa 50% (vedi norma per indicazioni precise) fino a massa costante. 

Per i provini ricavati da calcestruzzo in opera devono essere portati a massa costante alla temperatura di circa 20°C con umidità relativa di circa 50%.

Successivamente il provino viene per un giorno immerso in acqua lasciando circa 5 mm di spessore in aria, poi immerso completamente.

La pesata finale del campione viene eseguita almeno dopo 7 giorni di immersione in acqua, di cui sei con immersione completa, a temperatura di circa 20 °C. In realtà la pesata di riferimento finale è quella in cui il campione raggiunge una massa costante, cioè che non varia più dello 0,1% della massa totale. La prova quindi può durare più giorni.

La percentuale in massa di acqua di saturazione (Wa) è data dal rapporto tra la differenza della massa del provino saturo (Mj) e quella del provino prima dell’immersione (Mo), e il valore della massa prima dell’immersione (Mo).

assorbimento-dacqua-01

Questo metodo non può essere applicato a calcestruzzi che presentano segni evidenti di inadeguata compattazione (nidi di ghiaia, ecc.) o macro difettosità.

Il procedimento della prova è stato qui brevemente descritto. I riferimenti precisi sono indicati all'interno della UNI 7699.

 

Riferimenti normativi

All’interno della norma sono citati i seguenti riferimenti normativi:

  • UNI EN 12504-1 Prove sul calcestruzzo nelle strutture - Carote - Parte 1: Prelievo, esame e prova di compressione;
  • UNI EN 12390-1 Prova sul calcestruzzo indurito - Parte 1: Forma, dimensioni ed altri requisiti per provini e per casseforme;
  • UNI EN 12390-2 Prova sul calcestruzzo indurito - Parte 2: Confezione e stagionatura dei provini per prove di resistenza.

Informazioni per l’acquisto 

UNI 7699:2018 “Prova sul calcestruzzo indurito - Determinazione dell'assorbimento di acqua alla pressione atmosferica”

Euro 46,00 + iva (in lingua italiana)

Le norme, sia in formato elettronico che in formato cartaceo, saranno scontate del 15% ai soci effettivi. L’abbonamento a tutte le norme è disponibile dal 1 gennaio 2018 a partire da 200 euro: scopri come! 

Settore Vendite

Tel. 0270024200 (call center dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì)

Email: vendite@uni.com