Materiali isolanti termici: due requisiti mancanti

Elisa Carrozza - C2R ENERGY CONSULTING 09/11/2018 790

LA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI

La funzione principale dei materiali isolanti termici è quella di opporre un’elevata resistenza al passaggio del calore. L’isolamento termico risulta quindi un elemento fondamentale della progettazione di un edificio, dal momento che a livello europeo la tendenza è quella di raggiungere sempre più alti standard di efficienza energetica nella realizzazione e nella riqualificazione del patrimonio edilizio. In un edificio ben isolato infatti il fabbisogno energetico risulta notevolmente ridotto.

REQUISITI DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

Il 1 luglio 2013 è entrato in vigore il Regolamento UE 305/2011 – Construction Product Regulation (CPR) che abroga la Direttiva 89/106/CEE – CPD e prevede che i prodotti delle opere da costruzione soddisfino sette requisiti.

Il Regolamento sui Prodotti da Costruzione indica le procedure per l’ottenimento del marchio CE e l’inserimento dei prodotti da costruzione sul mercato europeo.

Il CPR definisce sette requisiti di base delle opere da costruzione:

-        Resistenza meccanica e stabilità;

-        Sicurezza in caso di incendio;

-        Igiene, salute e ambiente;

-        Sicurezza e accessibilità nell’uso;

-        Protezione contro il rumore;

-        Risparmio energetico e ritenzione del calore;

-        Uso sostenibile delle risorse naturali.

Da qui derivano le caratteristiche essenziali per le quali ciascuna norma armonizzata deve definire i metodi di valutazione.

Al momento nelle norme di prodotto sono considerati sono cinque dei sette requisiti, mancano infatti le parti relative all’uso sostenibile delle risorse e all’igiene, la salute e l’ambiente.

IMPLICAZIONI AMBIENTALI 

Il crescente impiego di isolanti termici nell’edilizia non può che portare ad una maggiore attenzione all’impatto ambientale che possono avere questi materiali. La valutazione della sostenibilità ambientale degli isolanti termici deve tenere conto di tutto il ciclo di vita degli stessi, dalla produzione allo smaltimento. Le norme UNI EN ISO 14040 forniscono gli strumenti utili per effettuare queste analisi. È importante infatti che durante tutta la vita del materiale venga ottimizzato l’uso delle risorse, vengano utilizzate risorse energetiche con il minor impatto ambientale possibile e venga garantita una vita utile dell’isolante e dell’edificio sufficientemente lunga.

RISCHI PER LA SALUTE 

La sicurezza è un’altra caratteristica fondamentale di un materiale da costruzione. Le sostanze chimiche che compongono i materiali e ne caratterizzano le proprietà sono classificate nel CLP (Regolamento UE n. 1272/2008).

La sicurezza di un materiale isolante dipende dalle caratteristiche e dalla concentrazione delle sostanze chimiche che compongono il materiale o i diversi materiali in caso di sistemi compositi.