Terremoto in Romagna, scossa 4.6 a Ravenna

15/01/2019 1571

scossa-terremoto-ravenna-2019.jpgForte scossa di terremoto a mezzanotte e 3 minuti vicino a Ravenna, in Romagna.

Sul sito Ingv si identifica l'epicentro in mare a 11 km a est di Ravenna, sulla costa, non molto lontano da Classe e a 25 km di profondità. La magnitudo è stata di 4.6.

Dopo circa mezz'ora una seconda scossa di magnitudo 3 (a Cervia) e successivamente altre due scosse di magnitudo 2 nella stessa zona.

Scossa da 4,6 ma nessun danno importante

La protezione civile ha fatto sapere che "dalle prime verifiche non risultano danni a persone o cose".

Il sisma però è stato avvertito distintamente in tutto il Nord Italia, in particolare in Emilia Romagna, nel Veneto e in Friuli. La forte scossa é stata avvertita in maniera sensibile anche in laguna. 

INGENIO ha sentito qualche residente di Ravenna, che ha segnalato che prima della scossa, durata qualche secondo, si è sentito un forte boato. Inoltre la sensazione è stata quella di una scossa verticale.

Sui social è immediatamente partito il tam tam e segnalazioni di persone spaventate sono arrivate da Rovigo, Venezia, Modena, Padova, Bologna, perfino da Trieste. Diverse le chiamate ai vigili del fuoco in tutto il Veneto.

scossa-terremoto-ravenna-2019-02.jpg

L'ing. Mattia Galli, presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, ha rilasciato su Facebook questo comunicato:

"TERREMOTO. OGGI, MARTEDÌ 15 GENNAIO SCUOLE CHIUSE

A seguito della forte scossa di terremoto che ha coinvolto il nostro territorio, è in corso alla Centrale della Polizia Municipale il Coc, Centro operativo comunale, la struttura di cui si avvale il sindaco in qualità di autorità comunale di protezione civile per la direzione ed il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza, con lo scopo di attivare le prime attività di protezione civile e fronteggiare l’emergenza.

Il Comune è in contatto con gli enti preposti alla protezione civile (Vigili del fuoco, Prefettura e Regione).

Al momento si segnalano danni di lieve entità e non sono pervenute richieste di soccorso. Sono in corso verifiche strutturali sulle situazioni segnalate.

Stante l’entità dell’evento sismico, che risulta il maggiore in termine di intensità registrato negli ultimi trent’anni, in maniera precauzionale oggi, martedì 15 gennaio, verranno chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado, dai nidi all’università. Nel corso della giornata verranno effettuati controlli su tutti i circa 90 plessi del nostro comune.

I titolari di strutture private dovranno controllare lo stato degli edifici e darne comunicazione alla Polizia locale (polizialocale@comune.ra.it) e all’Area istruzione e infanzia del Comune di Ravenna (istruzioneinfanzia@comune.ra.it).

INFORMAZIONI UTILI IN CASO DI TERREMOTO

Come comportarsi durante la scossa

  • non precipitarsi per le scale verso le uscite e non stare sui balconi, in quanto sono i primi a crollare
  • ripararsi sotto gli architravi oppure addossarsi ai muri maestri in cemento armato
  • evitare di sostare al centro delle stanze
  • evitare di posizionarsi vicino a mobili alti (armadi, librerie, ecc.), specchi, vetri, quadri, lampadari, suppellettili, televisori e finestre
  • non usare ascensorise si è all’aperto, allontanarsi da edifici e da strade strette; se possibile sostare in ampi spazi liberi; evitare di fermarsi su ponti, passerelle pedonali o qualsiasi struttura sospesa
  • calma e buon senso aumentano notevolmente le possibilità di scampare al pericolo

Come comportarsi dopo la scossa

  • radunare i familiari

  • non usare fiamme libere (candele, cerini, accendini, ecc.) perché esiste il pericolo di fughe di gas con conseguente possibilità di deflagrazione e incendio

  • chiudere il rubinetto del gas, dell’acqua e staccare la corrente

  • non utilizzare il telefono se non strettamente necessario

  • sistemare a terra ciò che è in bilico e di intralcio per l’evacuazione dell’edificio

  • abbandonare con calma l’edificio in cui ci si trova avendo cura di chiudere la porta di ingresso

  • nell’uscire di casa dare uno sguardo verso l’alto per verificare il pericolo di crollo di cornicioni, tegole, comignoli, ecc

  • evitare di passare per strade strette

  • non circolare con automobili se non necessario per il trasporto di eventuali feriti

  • aspettarsi scosse secondarie di assestamento, generalmente di intensità inferiore a quella principale

  • non avvicinarsi agli animali (che potrebbero essere spaventati e avere reazioni imprevedibili)e, se possibile, rinchiuderli in luoghi sicuri

Il Rischio Sismico nel Comune di Ravenna

L’intero territorio comunale di Ravenna è classificato (ai sensi dell’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003 e s.m.i.) come facente parte della classe di sismicità 3, ovvero rientra in una zona con grado di rischio MEDIO. E’ possibile quindi il verificarsi di terremoti capaci di provocare danni in particolar modo ai numerosi edifici antichi presenti, e in generale a quelli costruiti senza criteri antisismici, oltre ovviamente ai beni in essi presenti e alle persone.

Per le emergenze contattare la Polizia Municipale al numero 0544219219."

La polemica sulle trivelle e del problema della subsistenza

Quanto accaduto ovviamente riattiverà il dibattito sul tema della trivellazione dell'area di Ravenna e del fenomeno di subsistenza, ovvero del lento e progressivo sprofondamento del fondo del bacino marino o dell'area continentale che sta colpendo la zona di Ravenna. Uno studio dell'Arpa dello scorso anno evidenziava che il litorale ravennate presenta abbassamenti generalmente fino a circa 5 mm/anno, fatta eccezione per un’area che interessa il paraggio costiero da Lido Adriano fino al torrente Bevano, con un massimo di oltre 15 mm/anno.

Per saperne di più su questo argomento: "Lido di Dante sta sprofondando: e con lei tutti i suoi cittadini"