Quali sono le potenzialità della mobilità elettrica in Italia? Lo stato dell'arte e gli scenari futuri

A That’s Mobility 2019, in esclusiva, i dati dello Smart Mobility Report dell’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano

La presentazione dello Smart Mobility Report, realizzato dall’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano, aprirà, il 25 settembre 2019 i lavori, della seconda edizione di THAT’S MOBILITY, la Conferece&Exhibition dedicata alla mobilità elettrica che si svolgerà fino al 26 settembre presso il MICO, Centro Congressi di Fiera Milano.

Il rapporto presenterà una fotografia aggiornata sul mercato dell’e-mobility, partendo dai dati a livello mondiale ed europeo per arrivare a quelli relativi al nostro paese con una rosa di previsioni che spazierà da uno scenario si sviluppo base, ad uno moderato per finire con uno accelerato.

e-mobility: le prime anticipazioni dello Smart Mobility Report 2019

Dalle prime anticipazioni dello Smart Mobility Report 2019, emerge che il mese di maggio, ha fatto registrare un numero di immatricolazioni di autovetture in Italia pari a poco meno di 200.000, in leggera riduzione (- 1,5%) rispetto allo stesso mese del 2018. Questo ha portato le immatricolazioni complessive da inizio anno a circa 913.000, in calo di oltre il 4% rispetto all’anno scorso. 

In forte aumento, invece, le immatricolazioni di veicoli elettrici, seppur con numeri assoluti ridotti, pari a 1.587 nel solo mese di maggio, di cui 1.167 veicoli elettrici “puri” - BEV (rispetto alle 921 dell’anno scorso, di cui 609 BEV). Da inizio anno, le immatricolazioni complessive di veicoli elettrici sono state 5.481 unità (di cui 3.518 BEV), registrando un +70% rispetto all’anno scorso. Questo forte incremento è dovuto soprattutto ai veicoli elettrici puri, che di fatto hanno raddoppiato da inizio anno, e in particolare, negli ultimi due mesi, ovvero da quanto sono partiti gli incentivi governativi.

thats-mobility-2019-aggiornamento.jpg

L’impatto degli incentivi predisposti dal Ministero dello Sviluppo Economico per l’acquisto di auto elettriche o ibride, con un contributo di 6,000€ in caso di rottamazione di un veicolo fino a E3 e di 4,000 euro, senza rottamazione, ha visto esaurire la dotazione di 20milioni di euro in meno di 3 mesi, tanto che dallo scorso 8 luglio il Ministero ha provveduto a rifinanziare l’iniziativa andando quasi a raddoppiare la disponibilità pari a circa 40mlioni di euro, fino ad esaurimento e non oltre il 20 novembre 2019. Una politica di incentivazione, adottata in forme e modalità differenti anche da molti altri paesi europei nel corso degli anni e che rientra nelle volontà del Governo di diminuire l’inquinamento atmosferico, contribuire al rinnovamento del parco auto italiano e allo stesso tempo, contribuire a diffondere una nuova tecnologia che nelle fasi iniziali è difficilmente competitiva senza iniziative a sostegno all’acquisto ma anche con facilitazioni sia all’uso che alla circolazione, rappresentando un importante volano per la crescita dell’industria del settore.

Queste le prime anticipazioni ma lo Smart Mobility Report 2019 offrirà un quadro completo sui trend di sviluppo di tutti gli attori del mercato dell’e-mobility: dallo stato delle infrastrutture di ricarica a livello europeo e nel nostro Paese, dove a fine 2017, erano stimanti circa 2.750 punti di ricarica pubblici a norma ( +750 sul 2016), dei quali il 16% high power, all’ analisi dell’ offerta da parte delle principali case automobilistiche di veicoli elettrici sia dal punto di vista tecnico, capacità della batteria e autonomia dichiarata che economico con un focus sugli investimenti futuri già programmati; per finire con i nuovi modelli di business attivati dai diversi operatori della filiera della mobilità elettrica a partire dalle due macro aree: filiera dell’autovettura e dei servizi di ricarica. 

Un focus speciale sarà dedicato all’analisi degli impatti ambientali, CO2 e agenti inquinanti associati ai veicoli elettrici, rispetto ad altre tipologie di “trazione” (in ottica di Life Cycle Assessment) andando a considerare l’intera vita del veicolo dalla produzione dei componenti al loro smaltimento a fine vita.

Un report ampio e ricco di dati e informazioni che saranno approfonditi in specifici appuntamenti durante le due giornate di THAT’S MOBILITY per permettere a tutti gli operatori di settore di confrontarsi sulle tematiche di maggior interesse.


thatsmobility_logo.jpg

Tutti gli aggiornamenti su THAT’S MOBILITY 2019 sono disponibili sui profili facebook, Linkedin, Instagram e su THAT’S MOBILITY RADIO, podcast che, puntata dopo puntata, approfondisce con interviste e speciali i temi caldi, le curiosità e le novità legate alla mobilità del futuro e, in più, durante la manifestazione trasmetterà da una postazione mobile su una Model X personalizzata.

L’ingresso a THAT’S MOBILITY è gratuito ed è già possibile registrarsi. REGISTRATI QUI 

www.thatsmobility.it